Pagellone finale : Zahraoui su tutti. Continuità Stangoni e Alijevic

CAMAIONI 7: Dimostra per tutto l’anno un’altissima continuità e spiccata capacità di interpretare in maniera giusta il ruolo. Protagonista di alcune ottime parate, completa la sua maturazione da portiere con una bellissima stagione.

ACCIAROLI 6.5:Lieta scoperta del girone di ritorno in cui il giovane fuoriquota inanella una serie di buone prestazioni che gli fanno incassare la fiducia di mister Fusco.

CROCE 6.5: Una delle migliori stagioni con la maglia del Colli per lui che è a tutti gli effetti da considerarsi un veterano. Schierato come terzino sinistro , ruolo non suo, disputa ottime partite accusando poi un leggero calo nel finale.

STANGONI 7: Miglior difensore dell’Atletico Azzurra Colli. Una stagione quasi perfetta per lui che fa vedere al meglio le sue doti di duro e migliora ampiamente anche dal punto di vista tecnico.

PAOLUZZI 6.5:Stagione più che positiva per il nostro centrale, ormai ha raggiunto una giusta maturità che gli consente di avere in ogni occasione il polso della situazione per gestire i momenti della partita. Peccato per i troppi infortuni.

LUCIANI 6.5: Arrivato a Dicembre, sorprende per la sua grande personalità e l’ottimo impatto che ha sulla difesa. I problemi fisici poi lo limitano anche a lui. Fa i conti prima con una schiena ballerina e poi con l’infortunio alle vertebre che dichiara conclusa la sua stagione.

ZAHARAOUI 8: Senza ombra di dubbio il miglior giocatore dell’Atletico Azzurra Colli. Nessuno si accorge del fatto che sia un fuoriquota, tanta è la personalità e la qualità tecnica che mette in campo, giocando praticamente in tutti i ruoli. Un fiore all’occhiello.

ALIJEVIC 7: Prima mediano, poi mezzala poi difensore. Lo Zar offre prestazioni confortanti in ogni zolla del campo. Esperienza e personalità al servizio della squadra in ogni frangente.

COCCIA 6: Arriva a dicembre e parte bene, poi un infortunio alla caviglia lo condiziona definitivamente e la sua stagione è compromessa.

BATTILANA 6.5: Vitalità e senso della posizione. Pressa anche i magazzinieri e dimostra un ottimo impatto specie nel girone di ritorno, quando la condizione migliora decisamente.

GRILLI 6.5: Fatica a trovar posto all’inizio, diviene poi strada facendo elemento importante. Geometrie e tanta grinta. Giovane ma con la personalità di un veterano. Acquisto azzeccatissimo.

MARIANI 6.5: Meriterebbe almeno 7, ma le troppe incertezze in fase conclusiva ne minano il giudizio. Resta un giocatore devastante in fascia, uno di quelli che quando accende il motorino è dura fermarlo. Migliora anche tatticamente nell’arco del campionato.

CROCETTI 7:Arriva ancora in doppia cifra per il terzo anno consecutivo. Girone d’andata super. Accusa poi un lieve calo che però non gli compromette la stagione da protagonista nonostante le 37 primavere. Capitano e uomo di riferimento per tutti.

DI SIMPLICIO 6.5: Proprio nel momento in cui stava trovando la via della rete con una certa continuità, arriva il brutto infortunio che lo tiene fuori per quasi tutto l’anno e gli impedisce di gonfiare la rete con regolarità. Aveva fatto intravedere ottime cose.

GIANSANTE 7: Media gol importante per il forte ariete di Giulianova arrivato a Dicembre ma subito infortunato anche lui. Al rientro però da dimostrazione di presenza e volontà, trascinando la squadra ai play off.

BIANCUCCI 6.5: Gioca solo un girone col Colli ma tanto basta a dimostrare che con questa categoria non c’entra nulla davvero.

GYABAA 6.5: Stagione positiva del giovane coloured. Essendo la prima tra i grandi , mostra ottime cose sia quando gioca da mezzala che quando gioca da regista. Futuro assicurato.

NARDINI 6: Ci mette impegno e volontà ma paga il fatto di essere stato schierato sempre in un ruolo in cui non aveva mai giocato, ovvero il centravanti. Mostra ampia disponibilità nonostante tutto.

MASCITTI 6: Sempre pronto quando chiamato in causa. Cresce e fa esperienza.

GAMBACORTA sv

SILVESTRI sv

ALL. FUSCO 7: La sua squadra, nonostante i troppi infortuni, mantiene sempre un buonissimo livello di gioco. Senza ombra di dubbio, tra le squadre che stanno davanti è quella che mostra il miglior calcio. La rosa era buona, lui ci mette del suo. Sfortunatissimo in semi-finale col Montefano. Merita la riconferma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.