9’Giornata: Atletico Azzurra Colli-Atletico Ascoli 1-1

ATLETICO AZZURRA COLLI-ATLETICO ASCOLI 1-1

COLLI : Camaioni 6.5,
Acciaroli 6.5, Tommasi 5.5, Cucco 6, Stangoni 7, Alijevic 6.5, Battilana 6(55’Croce 6.5), Grilli 6, Pirelli 6.5( 93’Zharaoui sv), Di Simplicio 6(72’Gibellieri 5.5), Spinelli 6(60’Bastianelli 6). All. Fanì

ATLETICO ASCOLI : Albertini 5.5, Serafini 5.5, Fabi Cannella 6, Sosi 6.5, Coccia 6(85’Funari sv), Gibbs 6, Mariani 6.5(73’De Marco 6), Tedeschi 6, Gassama 6, Giovannini 5.5, Iachini 6.5. All. Filippini

Arbitro : Di Mario di Ciampino 7

Reti : 3’Mariani, 27’Alijevic.

COLLI DEL TRONTO : Nella saga degli ex del derby della Vallata, finisce in parità il match e, per l’appunto, sono proprio due ex a timbrare il cartellino. Atletico Ascoli in formazione tipo, locali largamente rimaneggiati per le assenze di Nardini e Zahraoui e per il problema fisico accusato da Camaioni che però stringe i denti e gioca. Fanì opta per il 4-3-1-2 in contrapposizione al 4-3-3 di Filippini. Avvio al fulmicotone della squadra ospite che approfitta con Mariani di un grave errore difensivo in disimpegno tra Alijevic e Cucco e infila Camaioni in uscita. Gol dell’ex del centrocampista di fascia ascolano. Rischia di capitolare la squadra di Fanì ma un paio di iniziative di Iachini e Giovannini vanno fuori. Attorno al 20’il Colli alza i giri e sfiora il pareggio con Grilli dal limite. Tiro fuori. . A metà primo tempo, il Colli raccoglie i frutti. . Piazzato dalla sinistra di Grilli e deviazione vincente di Alijevic che batte il portiere Albertini apparso non irremprensibile. Nel finale di primo tempo ancora Giovannini dal limite ma la mira è imprecisa. Nella ripresa, il Colli è padrone del campo e ha numerose occasioni per vincere. Prima Di Simplicio si libera di un marcatore e calcia ma Gibbs ribatte. Poi Pirelli salta Gibbs ma calcia sul fondo. Ancora Colli con Cucco di testa su ennesimo piazzato di Grilli, colpo debole e centrale. Nel finale doppia occasione per gli ospiti ma Camaioni è attento su Giovannini e Tedeschi che si era inserito nelle retrovie. Finisce 1-1. Ottimo l’arbitraggio.

Alijevic : ”Derby gara sentita. Ci conosciamo tutti!”

Chi meglio di un capitano, ma un capitano vero, avrebbe potuto metterci la faccia dopo una debacle pesante come quella di Treia ? Damir Alijevic non ha esitato a prendere le responsabilità del caso e ha parlato, davanti ai nostri taccuini, della gara, del momento e della prossima gara con l’Atletico Ascoli .

-Abbiamo subito il loro diverso piglio in avvio di gara- attacca Alijevic- sono entrati in campo forse più determinati di noi e hanno messo la gara nel binario che volevano loro. Noi da parte nostra, non abbiamo iniziato male, ma i meccanismi che ci hanno contraddistinto sono venuti a mancare, sono saltati e non siamo riusciti a riprenderli. Una partita storta può capitare, ora ricompattiamoci e guardiamo avanti.-

Sconfitta che brucia, quella rimediata in campo maceratese. Ma Damir non vuol saperne di parlare di crisi.

-E’ una sconfitta che può anche farci bene, ovviamente tra virgolette, perché abbiamo capito che occorre giocare sempre con massima umiltà. Preparare la gara di domani attraverso gli allenamenti settimanali con la testa bassa, con l’umiltà e con il lavoro. Sono tutti gli ingredienti che ci hanno sempre contraddistinto. Crediamo che sia stato solo un incidente di percorso. E poi avremo una gara molto particolare.-

Arriva, infatti, l’Atletico Ascoli, e Alijevic non usa mezzi termini per presentare questa partita.

-E’ il derby della Vallata e ci teniamo a far bene. Tra di noi ci conosciamo tutti quanti e in campo ci saranno tanti ex, che vorranno dimostrare tanto alle loro squadre passate. Vogliamo fare bella figura, anche io sono un ex come tantissimi. La base era tenere la testa bassa in settimana e lavorare, e l’abbiamo fatto. Sarà davvero una gara molto particolare, sembra di giocare una partita alle Tofare senza il prezzo del campo !-

8’Giornata : Aurora Treia-Atletico Azzurra Colli 3-0

AURORA TREIA : Cartechini 7.5, Gobbi 7, Carbonari 6 (83’Mari sv), Romagnoli 7, Verdicchio 6.5, Palazzetti 6.5, Lleshi 6.5 (65’Castelli 6), Kakuli 7, Chornopyschuk 7.5 (79’Rosetti sv), Di Francesco 7 (85’Prioglio sv), Capenti 6.5(49’Ballini 6). All. Passarini

A.A.COLLI : Camaioni 6, Acciaroli 5.5(70’Perozzi 5.5), Tommasi 6, Croce 5.5, Stangoni 5.5, Alijevic 6, Zahraoui 6.5, Battilana 6, Pirelli 5.5(78’Gibellieri sv), Nardini 6(33’Di Simplicio 6), Spinelli 5.5(65’Bastianelli 5.5).All. Fanì.

Arbitro: Eremitaggio 6

Reti :20’Kakuli,33’ Chornopyschuk (r ), 75’Di Francesco .

TREIA : Prima sconfitta stagionale per l’Atletico Azzurra Colli che incappa in una giornata negativissima e offre una prestazione incolore al cospetto di un Aurora Treia ordinata e che sciorina un calcio di assoluta qualità. Demeriti rossoazzurri evidenti come però altrettanti sono i meriti dei padroni di casa, quest’oggi superiori in tutto e per tutto. Pesano le assenze di Grilli ma soprattutto quella di Cucco, con la difesa che quest’oggi sbanda paurosamente. Partenza di chiara marca locale con il bulgaro Chornopyschuk che sfiora per ben due volte il gol nei primi 10 minuti. Prima di testa poi su punizione. Al 20’il gol di Kakuli al termine di una bellissima azione corale che lo porta al tiro di sinistro in diagonale. Sfera che si infila sotto la traversa opposta. Alla mezz’ora infortunio di Nardini. Treia padrone del campo che legittima il vantaggio con il raddoppio. Indecisione evidente di Stangoni che, con un errato retropassaggio, costringe Camaioni al fallo da rigore su Capenti. Dal dischetto Chornopyschuk decisivo. Ancora lo stesso bulgaro sfiora il 3-0 approfittando di un errato disimpegno di Alijevic .Si scuote il Colli che con Pirelli e Tommasi scalda i guantoni a Cartechini. Al 43’traversa di Pirelli. Al 45’ fallo di mano di Verdicchio sul neo entrato Di Simplicio. Rigore ma Pirelli si fa ipnotizzare da Cartechini. Che si esalta poi nella ripresa sui vari tentativi degli ospiti, che attaccano ma senza troppa convinzione. Lo stessono Di Simplicio coglie una traversa.Nel finale, Di Francesco approfitta di un errata lettura difensiva di Croce e infila in contropiede il 3-0. Traversa poi anche di Castelli.Brusca battuta d’arresto dei ragazzi di Fanì, che ora devono recuperare in fretta calciatori e morale per affrontare il temibile Atletico Ascoli.

Verso Treia . Turno delicatissimo contro una squadra affamata di punti.

COLLI DEL TRONTO : Due giorni di distanza dal prossimo turno del campionato di Promozione Girone B. L’Atletico Azzurra Colli, per l’ottava giornata , sarà di scena sul difficile campo dell’Aurora Treia. La squadra di mister Passarini, reduce dall’ottimo pareggio in terra nemica contro la Civitanovese per 1-1, occupa la decima posizione della graduatoria a quota 8 punti, frutto di una vittoria e 5 pareggi. 7 i gol fatti e altrettanti quelli subiti. L’unico successo del campionato dell’Aurora Treia, però, è contro una squadra dell’ascolano, l’Atletico Ascoli, per 2-1 il 6 Ottobre alla terza giornata. Nell’ultimo turno interno, la squadra di Passarini ha rimediato una sonora sconfitta per 3-1 contro la Palmense ed avrà sicuramente voglia di rivalsa e di riscattare quella battuta d’arresto. E’ sicuramente il bomber bulgaro Chornopyschuch l’elemento da tenere sotto d’occhio. Con le sue 6 marcature, dopo esser stato capocannoniere con 22 reti l’anno scorso, si sta confermando un attaccante temibilissimo. Dotato di un gran tiro e di un fiuto del gol come pochi, l’attaccante si candida ancora per arrivare ancora tra le prime posizioni della classifica marcatori e per confermarsi trascinatore della squadra. Squadra che unirà alla rabbia agonistica, il bel gioco capace di avergli dato il mister Passarini. Con Romagnoli, Kakuli e Capenti abili costruttori di azioni da rete, la squadra di Fani’ dovrà tenere attenzione altissima in ogni frangente del match poichè va ad affrontare una squadra di ottimo livello. Pericolosissime anche le scorribande di Di Francesco Ariel, fratello di Alex, affrontato qualche settimana fa col Chiesanuova. L’Atletico Azzurra Colli però, può finalmente contare sul recupero a pieno organico dei suoi due attaccanti. Di Simplicio, già a disposizione da qualche settimana, e Pirelli, che è rientrato nella scorsa settimana. Si preannuncia una sfida scoppiettante tra due squadre abituate a giocare a viso aperto e che non vogliono lasciare punti per strada per perseguire i loro differenti obiettivi.

Marcaccio al C.A. : ”Atletico Azzurra Colli merita questa classifica”

Matteo Marcaccio è un tecnico di comprovata esperienza. Oltre alle numerose esperienze da vice di Giudici a Monte San Giusto, vanta annate con Monturanese, Castelfidardo, Futura 96 e la stessa Sangiustese in Promozione, con la quale ha vinto il campionato qualche stagione fa. Sulle righe del corriere Adriatico, Marcaccio ha dato uno sguardo al campionato traendone numerose conclusioni:- Il Valdichienti per me non è una sorpresa- attacca Marcaccio-. E’ una società che ha una struttura ben delineata ed è in grado di stare al vertice. Un plauso va anche ovviamente a mister Giandomenico, di cui sono amico e del quale ho avuto il piacere di allenarlo alla Sangiustese. La classifica rispecchia il loro valore.- Marcaccio prosegue poi parlando dell’Atletico Azzurra Colli :- E’ la squadra che ho visto giocare più di tutte e che seguo di più in generale- confessa il mister, spesso presente sulle gradinate del Comunale- conosco bene il presidente e tutta la società in generale. L’ambiente è ideale e il mister Fani’ è il valore aggiunto. Oltretutto, hanno scovato dei giocatori che non si erano mai visti in questa categoria, delle scommesse delle quali sentiremo parlare davvero tanto. Merita assolutamente questa classifica. Cosi come la merita la Futura 96- continua il mister- che ha preso Cingolani, giocatore che fa sempre gol e che sposta notevolmente gli equilibri. Il gruppo è ben formato e grazie all’esperienza di Clerici può continuare a ben figurare. – Chisura dedicata alle due big e alla Sangiorgese, squadra del suo paese.- Maceratese e Civitanovese forse stanno pagando il fatto che quando sei una big, già dagli allenamenti inizi ad avvertire la pressione,e magari qualcuno non se lo aspettava. Ma non possono, per blasone e prestigio, fare questo campionato, credo che risaliranno. Della Sangiorgese non so cosa dire, faccio fatica davvero a parlare poichè non si conosce la reale situazione. Peccato perchè la città meriterebbe qualcosa di pù credibile.-

7’Giornata: Atletico Azzurra Colli-Palmense 3-1

A.A.COLLI: Camaioni 6, Acciaroli 6(85’Fioravanti sv), Tommasi 7.5, Cucco 7(75’Croce 6), Stangoni 6.5, Alijevic 6.5, Zahraoui 6.5, Grilli 8(83’Silvestri 6), Di Simplicio 6(67’Pirelli 6), Nardini 7(67’Battilana 6), Spinelli 6.5. All. Fanì.

PALMENSE : Osso 5.5, Kouasse 5.5, Gregonelli 5.5, Cocciaretto 5.5, Pagliarini 5, Marsili 5.5 (60’Turhani 5.5), Pelliccioni 6 (75’Mauro 5.5), Cameli 5.5, Pelliccetti 6(84’Cimadamore sv), Croceri 6, Frascerra 6.5. All. Cipolletta

Arbitro : Braconi 6.5

Reti :50’-72’Grilli,80’Tommasi, 88’Cocciaretto

Note: Espulso al 65’Pagliarini

COLLI DEL TRONTO : Grazie a un secondo tempo a dir poco impeccabile, l’Atletico Azzurra Colli ha la meglio di una coriacea Palmense e continua ad occupare i piani alti della graduatoria. La squadra di Fanì domina nella ripresa e trova un protagonista inaspettato : Andrea Grilli, oggi in versione bomber, con due proiettili sblocca un match che stava diventando complicato.Nella prima frazione, gara divertente con entrambe le squadre protagoniste di buone giocate. Per i padroni di casa Nardini e Grilli si rendono pericolosi con conclusioni dal limite imprecise. Prima il numero 10 calcia centralmente, poi il numero 8 la manda a lato. Per gli ospiti è il grande ex Pelliccioni, premiato con una targa per i suoi 5 anni a Colli, a sfiorare per due volte il gol con due iniziative.Nel finale di primo tempo è ancora Grilli quest’oggi col piede caldo, a sfiorare il palo. Nella ripresa non c’è storia. Padroni di casa in campo determinati e convinti a fare bottino pieno. In avvio Nardini inventa per Grilli che infila imparabilmente Osso. La reazione ospite è tutta in una punizione di Croceri che sfiora l’incrocio. Si fa espellere poi Pagliarini e per la Palmense è notte fonda.Il regista collese, Grilli, si ripete sempre al 72’con un altro bolide in diagonale. Tommasi porta a 3 il bottino con la complicità di Osso.Il suo tiro cross infatti si infila alle spalle del non impeccabile portiere nella circostanza. Nel finale, Cocciaretto in mischia infila il gol della bandiera. Vittoria dunque meritata per gli uomini di Fanì che continuano a palesare un buon gioco e a macinare punti su punti. Ora, in attesa del match della capolista Valdichienti, la squadra continua a volare nei quartieri nobili della graduatoria. Per gli ospiti, una sconfitta che fa riflettere per un problema evidenziato anche in passato, ovvero una tenuta che non copre tutti i 90 minuti di gioco.

Nardini : ”Attenzione massima alla Palmense. Mi piace giocare mezzala!”

E’ l’uomo del momento in casa rossoazzurra. Valerio Nardini, fantasista classe 85 schierato quest’anno di mezzala destra, è uno dei punti fermi della squadra di mister Fani’ che ora, oltretutto, sta trovando anche il gol con discreta continuità, a differenza della scorsa stagione. Il Colli vice capolista, ad oggi non può fare a meno di lui, ma forse neanche lui si aspettava un avvio cosi. -Effettivamente no- attacca Nardini- ma dopo la vittoria all’esordio con la Maceratese, ho capito che se affrontiamo ogni gara con questo spirito, possiamo toglierci diverse soddisfazioni.- Domenica scorsa a Porto San Giorgio, per la prima volta l’Atletico Azzurra Colli ha incontrato difficoltà reali specie nel primo tempo, ma la squadra ha saputo reagire, pareggiare e sfiorare la vittoria : -Eppure il mister ci aveva avvertito che affrontavamo una bella squadra, ma un inizio cosi arrembante non ce lo aspettavamo assolutamente. Abbiamo sofferto la loro fisicità, ma poi sono scesi, nella ripresa era impensabile tenessero quel ritmo li. Abbiamo allora preso il pallino del gioco, sfiorando anche la vittoria-. Il mister Fani’ quest’anno lo sta schierando mezzala, in un ruolo che aveva già ricoperto in passato. Nardini sembra aver trovato la sua dimensione in quella zolla di campo. –Si, toccare tanti palloni mi piace, mi trovo benissimo in questo ruolo perché posso partecipare alla manovra con piu efficacia e inserirmi da dietro. Giocare fronte alla porta per me è molto meglio.- Nardini ha ereditato la numero 10 di Crocetti, e la cosa non gli pesa affatto. – Ho indossato spesso, anzi quasi sempre questo numero, tranne lo scorso anno. Ereditare la maglia di Guido, che per questa squadra ha fatto cose che non devo descrivere io, ti da quelle responsabilità in piu’. Sono prontissimo a prendermele.- La chiusura è sulla Palmense del grande ex Pelliccioni. – In questo campionato, non esiste alcuna gara facile. Io sono certo che loro scenderanno in campo per fare punti, con atteggiamento di chi non viene a fare una scampagnata. Sono lanciati dopo una grande vittoria esterna, noi dovremmo però riproporre lo spirito del secondo tempo di Porto San Giorgio, poi vediamo cosa viene fuori.-

6’Giornata : Sangiorgese- Atletico Azzurra Colli 1-1

Sangiorgese : Figueroa 7, Ricci 5.5, Cibada 6.5 (51’Gisario 5.5), Fortete 7, Brambatti 7, Serveri 7, Garbujo A. 6, Fazion 7, Garbujo E. 5.5, Gomez 5.5, Aranibar 6.5. All. Buratti

Atletico Azzurra Colli : Camaioni 6, Acciaroli 6, Tommasi 5.5 (62’Perozzi 6), Cucco 6, Stangoni 5.5, Alijevic 6, Gibellieri 5.5 (56’Zharaoui 6.5), Grilli 5.5 (56’Battilana 7), Di Simplicio 5.5 (90’Croce Sv), Nardini 7, Spinelli 6 (85’Bastianelli Sv). All. Fani

Arbitro : Skura 5

Reti : 23’Fazon, 64’Nardini

Note : Al 79’Di Simplicio fallisce un calcio di rigore

PORTO SAN GIORGIO : L’Atletico Azzurra Colli porta via un punto contro una Sangiorgese che, se è quella squadra vista quest’oggi, non merita assolutamente la posizione di classifica che sta occupando. Intendiamoci, il gioco dei padroni di casa è stato spesso duro e ai limiti del regolamento, se non oltre, ma quando la squadra neroblu, infarcita di stranieri, entrava in possesso di palla, dimostrava di saperci fare. Fani’ recupera finalmente Di Simplicio, autore di una buona gara macchiata dal rigore fallito nel finale in maniera scialba. Lo piazza centravanti vicino a Gibellieri, causa acciacchi di Zahraoui. In mediana, Alijevic fa da diga e Grilli, Nardini e il rientrante Spinelli a creare gioco. Dietro, torna Acciaroli a destra. Partenza veemente dei nostri avversari che, dopo un paio di tentativi dalla distanza di Aranibar sbilenchi, saggiano la prontezza di Camaioni con uno scambio tra lo stesso Aranibar e Garbujo. Il tentativo di quest’ultimo appare troppo comodo per impensiere l’esperto portiere rossoblu. Che però si fa sorprendere sul suo palo al 23′ da Fazon. Il numero 8 riceve un cambio di gioco da centrocampo e, lasciato colpevolmente solo da Tommasi, infila in rete un tiro tutt’altro che irresistibile. I rossoblu, frastornati, fanno fatica a uscire dalla metà campo per la prima mezzora, aggrediti ovunque dai padroni di casa presenti in ogni zolla e poco tutelati dal mediocre arbitro Skura, ancora acerbo e inadeguato per dirigere simili gare. Al 35′ usciamo dal guscio. Buona combinazione che porta al cross Tommasi, velo di Nardini e girata alta di Di Simplicio. Ultimo tentativo al 45′ con Acciaroli che finisce alto. Nella ripresa, partono ancora forte i padroni di casa e serve un autentico miracolo di Camaioni su Garbujo. Intorno al 55′, Fani’ cambia l’inerzia della gara con due sostituzioni. Battilana e Zharaoui prendono il posto di Gibellieri e Grilli, dopo che quest’ultimo aveva avuto una palla favorevole calciandola alta. Preme il Colli, trascinata dall’ottimo Di Simplicio e da Nardini, e perviene al pareggio al 19′. Lo stesso Nardini si fa trovare pronto al suggerimento di Alijevic, salta comodamente un avversario e infila imparabilmente Figueroa. Il momento è quello giusto e gli uomini di Fani’ provano ad approfittarne con Zahraoui imprendibile,ma il suo cross per Nardini viene sfiorato da un difensore al momento di battere a rete. Al 78, duro contatto in area in cui ne fa le spese Spinelli. Rigore per noi fallito dal centravanti Di Simplicio che calcia debolmente addosso a Figueroa. L’ultima palla gol è per i locali con una punizione di Gomez neutralizzata con estrema bravura da Camaioni.

Non solo bel calcio. Ora anche tanta forza mentale. Si, la strada è quella giusta !

La vittoria di sabato ha ridato linfa vitale all’Atletico Azzurra Colli che ora, si appresta ad affrontare la Sangiorgese domenica prossima con rinnovato entusiasmo e tanta fiducia nelle proprie capacità e potenzialità. Chiariamoci subito. Non è certo tempo di sogni di gloria, anzi, perdere la prerogativa principale che ha fatto grande questa società, ovvero l’umiltà, unita all’unità di intenti, sarebbe il più grande errore che potrebbe fare la squadra. Anche perchè questo campionato non ti perdona, e bisogna fare punti con tutti. Ma di certo, la posizione di classifica, largamente inaspettata alla vigilia sebbene siamo solo alla 5′ gara, e l’imbattibilità (due vittorie e tre pareggi che, con un pò di fortuna in più sarebbero potute essere vittorie) danno adito e voce all’interno del polmone collese, una voce interiore che può dire, quantomeno, che la strada che si sta percorrendo è quella giusta. Si, perchè oltre al bel gioco che la squadra ha prodotto e palesato in maniera ininterrotta nelle prime giornate, si è aggiunta anche quella convinzione di voler ottenere il risultato che forse era leggermente mancata precedentemente. Come dichiarato anche nel post-partita dallo staff, si è vinta una gara più sporca del solito, dove la squadra, appena ha subito il gol del pari, ha voluto rincorrere fortemente il gol della vittoria, aggredendo una palla con due dei suoi uomini migliori, Zahraoui e Tommasi, andandosi a prendere il calcio di rigore trasformato da Nardini. Già, Nardini, l’uomo senza dubbio più in forma della truppa. Protagonista di un avvio di campionato in cui ha unito la sua alta qualità ad un rinnovato spirito di sacrificio e disponibilità al lavoro di squadra, Nardini ha anche trovato il suo primo gol in maglia rossoazzurra, realizzando con freddezza il pesantissimo penalty della vittoria. L’avversario come dimostrato, non era certo dei più agevoli, ma il Colli ha voluto di più la vittoria, ha curato meglio i dettagli e ci ha messo quella sana cattiveria che si confà a tutte le squadre di rango di Promozione. Palese e tangibile il grandissimo lavoro di Fani’, sia sul piano tattico che su quello mentale. Il mister, artefice principale di questo ottimo inizio di torneo, tornerà domenica in panchina dopo una squalifica di due settimane. Abituato a predicare umiltà e sacrificio, Fani’ non perde certamente la bussola e anzi sa bene che il Colli non deve fare nessun sogno di gloria, perchè le grandi risaliranno (Civitanovese, Maceratese e Atletico Ascoli sono destinate a lottare per il primo posto) e perchè ancora qualche dettaglio c’è da limarlo. Ma con le vittorie si può lavorare meglio per preparare le partite successive. Contando anche su due recuperi determinanti, quelli di Pirelli e Di Simplicio, sostituiti comunque finora da due giovanissimi Bastianelli e Silvestri che stanno facendo cose egregie. E scusate se è poco….

5’GIORNATA : ATLETICO AZZURRA COLLI-CHIESANUOVA 2-1

A.A. COLLI :Camaioni 6.5, Croce 6.5, Tommasi 7, Cucco 6.5, Stangoni 6, Alijevic 6.5, Zahraoui 6.5(92’Gibellieri sv), Grilli 6(75’Battilana 6), Bastianelli 7(71’Lombardi 6), Nardini 7.5, Silvestri 6.5(88’Perozzi sv).

CHIESANUOVA : Carnevali 5.5, Paoloni 5.5(64’Aringoli 6), Pietrella 5.5, Rapaccini 6(67’Santoni 6), Focante 6, Belelli 6, Di Francesco 5.5, Morettini 6(77’Pasqui 5.5), Medei 6(54’Pandolfi 7),Ramadori 6.5, Cappelletti 5.5(67’Pierantonelli 6). All.Fondati

Arbitro : Ercoli 5.5

Reti :18’Bastianelli, 85’Pandolfi,86’Nardini (r).

ESPULSO : Di Francesco 55’

COLLI: Vittoria al cardiopalmo per gli uomini di Fanì ancora squalificato contro un buon Chiesanuova. Le pesantissime assenze di Pirelli e Di Simplicio da una parte e di Santoni dall’altra condizionano non poco una gara giocata prevalentemente a centrocampo.Fanì sceglie Bastianelli terminale offensivo del 4-3-3 con Silvestri e Zahraoui ai lati, mentre Croce ritrova posto nel quartetto arretrato a destra.Inizio di studio, primo lampo al 10’con un destro dal limite dell’estroso Di Francesco ma la palla è a lato. La risposta del Colli non si fa attendere e fa rima con gol. Il vantaggio dei padroni di casa infatti, è un meraviglioso pallonetto di Bastianelli, che infila su sponda di Silvestri approfittando dell’errata uscita di Carnevali. Primo tempo dove il Colli gestisce e le sortite ospiti non producono effetto. Nella ripresa, riparte meglio il Chiesanuova. Una punizione del sempre temibile Ramadori si stampa sulla barriera, mentre il Colli agisce di rimessa. Dopo il rosso apparso affrettato a Di Francesco, il Chiesanuova appare tramortito ma non demorde e trova un insperato pareggio con Pandolfi, che si infila alle spalle dei centrali e batte Camaioni approfittando di un lancio dalle retrovie. Il Colli però reagisce da grande squadra e trova il rigore subito da Tommasi per fallo di Pasqui. Rigore netto che viene trasformato da Nardini. Nel finale, tentativo di Ramadori e ottima chiusura di Camaioni. Ultima chances per il portiere Carnevali, che di testa manda fuori. Il Colli sale così a quota 9