Mercoledi di durissimo lavoro. Torna in gruppo Cernaz.

COLLI: E’ stato un mercoledi di durissimo lavoro fisico quello effettuato ieri dalla truppa a disposizione di mister Amadio e del nuovo prof Massimo Lattanzi, che ha visto la squadra impegnata in due blocchi di riscaldamento tecnico intervallati da altrettanti blocchi di riscaldamento funzionale e preventivo. Successivamente, la squadra si è riunita per un lavoro di forza molto pesante, concluso con una partita a tema e una partita finale. Si è finalmente riaggregato in gruppo, seppur saltando il lavoro di forza, il regista Cernaz, assente da due settimane causa stiramento. Febbricitanti Piergallini, Bastianelli e Stacchiotti, ma gli ultimi due non destano preoccupazioni per la partita di domenica contro la truppa di Lauro. Piergallini invece è ancora da valutare. Quest’oggi invece la squadra si ritroverà all’Hotel Casale per effettuare la penultima seduta settimanale, la terza consecutiva, prima di beneficiare di un giorno di riposto venerdi e di allenarsi sabato mattina. La seduta di allenamento odierna è stata anticipata alle ore 17.30. Intanto, il giudice sportivo ha appiedato Leopardi per un turno. Sesta ammonizione invece per il centrocampista Stefano Fiscaletti.

18’Giornata : Valdichienti-Atletico Azzurra Colli 1-1

Valdichienti : Pollini 6.5, Bruni 5.5, Tartabini 6, Passalacqua 6.5, Moretti 6.5, Enow 6.5, Panichelli 5 (58’Lattanzi 7), Badiali 6.5, Monterubbianesi 6, Jachetta 6.5, Boutlada 5.5 (62’Frontini 6). All. Giandomenico

A.A.Colli : Camaioni 5.5, Stangoni 6(69’Gaeta 6), Leopardi 7, Monserrat 6, Stacchiotti 6.5, Alfonsi 6, Polisena 6, Fiscaletti 7, Pavone 5.5(53’Reilly 6), Mancini 7, Nociaro 6(69’Stipa 6.5)

Arbitro : Baiocchi 6

Reti :58’Lattanzi,85’Mancini

SANGIUSTO-Sul difficile campo del Valdichienti, laddove molte squadre ci avevano lasciato le penne, l’ Atletico Azzurra Colli trova nel finale un punto che muove la classifica e allunga a 5 la serie di partite senza sconfitte. I ragazzi di Amadio soffrono specie nella ripresa, ma poi con uno scatto di orgoglio nei minuti finali della gara raggiungono il pari con Mancini. Note positive della gara le prestazioni di Stacchiotti e Fiscaletti, quest’oggi tra i migliori, e di Leopardi, che però ora verrà appiedato dal giudice sportivo per squalifica. Formazioni. Per Amadio, all’assenza di Cernaz si aggiunge quella di Reilly perlomeno dall’inizio. Pavone all’esordio nel 4-2-3-1 pensato dal tecnico lamense. Dal canto suo invece. Giandomenico rinuncia a Pennacchioni per lasciar spazio al tridente veloce formato da Jachetta, Monterubbianesi e Boutlada. La partenza, conclusione di Moretti in apertura apparte, è di chiara marca ospite. Ci prova al 5’bomber Pavone direttamente da calcio di punizione ma la sfera finisce fuori. Ancora Colli al minuto 9. Piazzato dalla sinistra di Leopardi, inserimento di Stacchiotti sul secondo palo e colpo di testa però impreciso. Al 12’ottima sponda dal limite di Pavone per il tiro secco, ma centrale, di Polisena. Pollini è attento. Al 17’ occasionissima per gli ospiti. Break di Fiscaletti che ruba palla sulla trequarti, fa due passi e calcia a botta sicura. Miracoloso l’intervento di Pollini che si distende in angolo e che si ripete, ancora sulla sua destra, su un tentativo di Mancini. Locali fino a quel momento non pervenuti con evidenti difficoltà di palleggio. La prima azione degna di nota degli uomini di Giandomenico è un fendente dalla sinistra di Jachetta, nel frattempo spostato dal mister sul lato opposto vista l’ottima marcatura fin li fatta da Leopardi. Conclusione comoda che Camaioni abbraccia e coccola tra le sue braccia. Minuto 37. Occasionissima creata da Badiali, il più vivo dei suoi. Il suo filtrante dal centro destra mette Panichelli in condizione di battere a rete davanti a Camaioni. Il numero 7 si ingolosisce a tal punto da cercare un improbabile scavetto. Pallone sul fondo. Si va al riposo sullo 0-0. Ma nella ripresa, in avvio, il forcing dei locali si alza e Amadio è costretto a togliere Pavone, volenteroso ma ampiamente lontano dalla miglior condizione, per far posto a Reilly. Cambia anche Giandomenico che al 57’inserisce Lattanzi per uno spento Panichelli. La mossa trova i suoi frutti dopo appena 30 secondi, con il forte centrocampista che raccoglie una palla vagante dal limite e infila Camaioni, pietrificato. Il numero 1 non abbozza nemmeno la parata, tanto era precisa la conclusione del numero 15. Il Colli è stordito, nonostante Amadio la rivolti come un calzino inserendo anche il fantasista Gaeta. Per Giandomenico, inserimento di Frontini che stava per essere anche lui letale al minuto 80. Jachetta salta Stacchiotti eludendone il tentativo di recupero e calcia in porta. Camaioni troppo incerto nella respinta e Frontini da pochi passi infila. Tutto bello per i locali, tranne la bandierina del primo assistente Giretti, che dice che è offside tra le proteste generali. Il Colli tenta gli ultimi assalti nel culmine della gara con Polisena, che con un rabbioso inserimento sfiora la rete negatagli da Pollini. Ma è il preludio al gol. Il veleno è infatti nella coda. Assist splendido di Leopardi dalla sinistra per l’inserimento di Mancini che, in girata, batte l’incerta retroguardia locale e il portiere Pollini, che verrà poi sostituito da Mallozzi per infortunio. Finisce 1-1. Il Colli incamera un punto d’oro.

17’Giornata : Atletico Azzurra Colli- Porto D’Ascoli 2-0

A.A.Colli : Camaioni 7, Stangoni 7, Leopardi 7.5, Monserrat 6.5, Stacchiotti 8, Alfonsi 7, Polisena 7.5 (80’Pavone 6), Fiscaletti 7, Nociaro 6.5 (72’Nicolai 6.5), Mancini 7.5(88’Croce sv), Reilly 7.5. All. Amadio

Porto D’Ascoli : Di Nardo 6, Petrini 5, Trawally 5.5, Gabriella 5.5, Vallorani 5, Sensi 5.5, Ciarmela 5.5(58’Valentini 5.5), Rossi 5.5, Ruggeri 5.5, Napolano 5, Verdesi 5.5 (80’Di Tecco). All. Izzotti

Arbitro : Batini 7

Reti :31’Polisena,43’Stacchiotti

Colli Del Tronto : Vittoria meritata per l’Atletico Azzurra Colli che ha ragione di un Porto D’Ascoli svagato dietro e poco pungente davanti . La squadra di Amadio ha dominato la gara fin dalle prime battute, e raccoglie già nella prima frazione di gara i frutti del marcato dominio di gioco, inibendo ogni fonte di gioco avversaria e annullando con Stangoni è un superlativo Leopardi i due esterni avversari Ciarmela e Verdesi, temuti alla viglia.
Formazioni. L’Atletico Azzurra Colli perde Cernaz ma recupera Fiscaletti e lo affianca ad Alfonsi nel 4-2-3-1 iniziale. Torna Reilly dal primo minuto, con Gaeta che parte inizialmente dalla panchina. Panchina per il neo arrivato Pavone. Il Porto D’Ascoli di mister Izzotti si schiera col canonico 4-4-2 con Napolano e Ruggeri in avanti e la collaudata coppia di difensori Sensi-Vallorani davanti a Di Nardo. Atletico Azzurra Colli subito pericolosa in avvio da calcio piazzato con Monserrat che sfiora la traversa di testa. La risposta degli avversari è affidata a Ciarmela prima, che dal limite saggia la prontezza di Camaioni, e a Napolano poi, che salta secco Monserrat e impegna ancora Camaioni pronto alla risposta. Poco per impensierire la retroguardia collese. La squadra di Amadio, sorniona, rimane composta e al 31’passa. Punizione dalla sinistra di Leopardi, inserimento di Polisena e palla nel sacco. La squadra di Izzotti non reagisce e al 43’il Colli raddoppia. Ancora da un piazzato di Leopardi, stavolta dalla destra, preciso e perentorio lo stacco di Stacchiotti che infila e segna il suo quinto centro stagionale. Il Porto D’Ascoli è un pugile suonato alle corde che non riesce a reagire. Nella ripresa, gli uomini di Izzotti provano a rendersi pericolosi, ma le idee scarseggiano e la compagine rivierasca si affida molto alle palle lunghe, ben controllate da un monumentale Stacchiotti, che quest’oggi si erge a diga assoluta e ribatte qualsiasi tentativo avversario, ricacciando dietro gli ospiti. Izzotti prova poi la mossa del cambio di modulo con l’inserimento di Valentini passando al 3-4-3, ma lascia ampio spazio alle avanzate di Reilly, Mancini e Polisena. Ci prova Sensi di testa al 20’, ma la conclusione risulta imprecisa. È l’unico vero tentativo degli ospiti, con la gara che si accende improvvisamente nella fase centrale, complici Napolano e Leopardi ammoniti per reciproche scorrettezze. Il Colli tiene botta e legittima il successo nel finale sfiorando per ben tre volte il terzo gol. Prima con un colpo di testa dell’infinito Reilly, disinnescato da Di Nardo. Poi, sempre di testa, con Stacchiotti che su altro cross dell’inesauribile Leopardi colpisce il legno, e nel finale con Croce, che segue con intelligenza un contropiede ma si impappina davanti al numero 1 ospite. L’ultimo tentativo degli ospiti è invece un potente destro di Di Tecco, sul quale il solito Camaioni si oppone con bravura. C’è tempo anche per l’ottimo ingresso nel finale di Pavone, prima del triplice fischio. Un bel balzo in avanti per la squadra di Colli, che aspettando la disputa della giornata che si svolgerà domani, sale a quota 18, appoggiando ora gli occhi sulla zona verde e scrutandola con la giusta dose di entusiasmo.

L’Atletico Azzurra Colli ingaggia il centravanti Pavone

Atletico Azzurra Colli comunica in via ufficiale di essersi assicurata le prestazioni del centravanti argentino Tomas Pavone. Attaccante di struttura, proveniente dal club Atletico General Lamadrid, classe 1990, si allena già da qualche giorno agli ordini di mister Amadio dopo aver accumulato comunque anche due esperienze nella nostra nazione con il Licata (Eccellenza) e la Folgore Seminunte (Promozione) realizzando in tutto 38 reti. Ha disputato la trafila del settore giovanile con Estudiantes e River Plate. Fratello del bomber argentino Mariano Pavone, idolo sudamericano che ha anche vestito la maglia del Betis Siviglia. La società spera di averlo a disposizione già per la sfida di domani col Porto D’Ascoli, in quanto il transfer non è ancora arrivato dall’Argentina. Nel frattempo gli da il suo caloroso benvenuto sperando che i suoi gol possano rivelarsi importanti nella conquista della salvezza. Benarrivato Tomas !

Cernaz : ”Ambientamento a Colli ottimo”

E’ l’ultimo arrivato nella linea mediana rossoazzurra, ma è il calciatore che occorreva. Piedi buoni, visione di gioco e velocità di pensiero in cabina di regia, Angelo Cernaz, classe 1996 si è già imposto nel cuore della manovra collese e ha già realizzato il primo gol su punizione domenica scorsa. Queste le sue dichiarazioni al termine della gara.

”Una rete bella senza dubbio. La posizione mi permetteva di calciare, ho provato e la traiettoria è stata quella giusta. Sono molto soddisfatto.”

Cernaz parla poi della gara.

”Probabilmente, se alla vigilia qualcuno ci avesse detto che avremmo riportato un punto da una trasferta cosi difficile, saremmo stati tutti molto felici. Invece, abbiamo giocato meglio di loro e vinto con merito. Vigor Senigallia è una squadra veramente forte, e averla battuta ci da una grande autostima e fiducia per il futuro. Ma guai a mollare la guardia perchè ogni gara è una finale, a partire da questa di sabato col Porto d’Ascoli, un derby che per noi vale tantissimo.”

Il regista argentino passa poi a parlare delle differenze tra campionato abruzzese, dove lui ha giocato diverse stagioni, e quello marchigiano.

”Qui c’è molto piu equilibrio, in Abruzzo può succedere di trovare una spaccatura tra le prime 4-5 squadre e le restanti, o addirittura spesso di trovare squadre che arrivano nelle ultime posizioni staccandosi. Nelle Marche, questo è meno accentuato perchè tutte le squadre prestano più attenzione alla fase difensiva. L’Abruzzo è molto paragonabile al calcio argentino, dove si gioca con meno tatticismi. Le Marche sono come l’Italia, c’è grande attenzione ai dettagli.”

Ultima battuta sul suo approdo a Colli con relativo ambientamento.

”Sono davvero arrivato in un posto speciale. Quando è nata questa trattativa, mi hanno consigliato di venire qui perchè gruppo e società si comportano come una famiglia e tanto è stato. L’ambientamento procede bene, mi sento un giocatore importante per il mister e la società e con i compagni ho già un rapporto splendido. Qui sembra di conoscersi tutti da sempre. ”

16’Giornata : Vigor Senigallia – Atletico Azzurra Colli 1-2

Vigor Senigallia : Tavoni 6.5, Savelli 6.5, Guadagni 5.5(71’Rotundo 5.5), Morganti 6 (57’Sassaroli 5.5), Magi Galluzzi 5.5, Guerra 6, Carbonari 5, Siena 5.5 (73’DErrico 5.5), Pesaresi 6.5, Piergallini 6.5, Cinotti 5.5(87’Lazzari sv). All.Guiducci

A.A.Colli : Camaioni 7, Stangoni 6.5, Leopardi 7, Monserrat 7, Stacchiotti 6, Alfonsi 8, Mancini 7, Cernaz 7.5, Nociaro 7(85’Nicolai sv), Gaeta 6.5(55’Reilly 7.5), Polisena 7(91’Croce sv). All.Amadio.

Arbitro : Giorgiani 6.5

Reti : 42’Piergallini,64’Cernaz,67’Reilly

Senigallia : Prima trasferta del nuovo anno e prima vittoria dell’Atletico Azzurra Colli targata Peppino Amadio, che trova sotto la calza della Befana una vittoria tanto sofferta quanto meritata in casa della Vigor Senigallia, che quest’oggi rimedia la seconda sconfitta interna consecutiva e scende in una posizione di classifica non consona alla qualità della rosa a disposizione di mister Guiducci. Formazioni : Guiducci recupera bomber Pesaresi e lo schiera dall’inizio affianco a Piergallini e Cinotti. In panchina Lazzari e D’Errico, dati titolari alla vigilia. Il Colli ripropone il 4-2-3-1 inserendo Mancini in luogo di Fiscaletti, schierando Nociaro di punta e Polisena e Gaeta esterni. Partenza al fulmicotone degli ospiti con Mancini e Nociaro che sollecitano in soli due minuti il bravo portiere Tavoni, che risponde due volte presente. Risponde subito la Vigor con Cinotti, il quale sfrutta una ripartenza ma sparacchia fuori. Colli che gioca a viso aperto, Senigallia che accetta e risponde seppur sorpresa. Al 7’ discesa di Savelli che mette dietro per Morganti, il suo diagonale va fuori. Minuto 20, corner battuto da Piergallini, arriva Cinotti che incoccia di testa trovando la pronta opposizione di Camaioni. Risponde colpo su colpo la squadra di Amadio. È Cernaz stavolta che ci prova dal limite. Palla alta. Ospiti col giusto piglio, locali che si affidano solo a contropiedi o a giocate lunghe sulla testa di Pesaresi. Al 42’ a sorpresa locali in vantaggio. Corner per il Colli, la palla arriva sul piede di Leopardi che calcia, la difesa respinge sui piedi di Piergallini che si invola davanti a Camaioni e lo batte. Il gol fissa il punteggio sull’1-0 all’intervallo. Nella ripresa la musica cambia. Gaeta ci prova con un bel sinistro dal limite ma la conclusione è debole e Tavoni blocca. Lo stesso Gaeta, autore di una serie incredibile di ripiegamenti difensivi, viene sostituito da Reilly, non al meglio. Il Colli continua a comandare le operazioni prestando inevitabilmente il fianco alle ripartenze dei locali. Su una di queste, Camaioni è decisivo su una discesa di Piergallini con una smanacciata. Sugli sviluppi, la palla arriva a Carbonari che conclude a botta sicura, ma Monserrat è miracoloso nella respinta. Il centrocampo del Colli continua a produrre gioco con Alfonsi che appare padrone della mediana. Ma serve una scossa, una svolta che arriva al 64’. Punizione capolavoro di Cernaz che pennella un destro imparabile sotto l’incrocio. Un gol meraviglioso del regista appena arrivato dal campionato abruzzese. Neanche il tempo di riorganizzarsi che il Colli centra l’1-2 dando il colpo del Ko agli avversari. Polisena verticalizza per il brillante Nociaro. Il suo diagonale dal centro destra dell’area di rigore è ribattuto da Tavoni sui piedi però dell’accorrente Reilly, che infila in gol con un perfetto tap-in. Ora la Vigor si ributta in avanti cercando la testa di Pesaresi, che ingaggia una serie di duelli con Stacchiotti all’ultimo sangue. Entra anche Lazzari nel finale, ma gli ospiti difendono con le unghie. Al 90’Camaioni si accartoccia su un diagonale di Sassaroli, al 95’ultimo brivido per i ragazzi di Amadio con un tiro dal limite di D’Errico che fa la barba al palo alla destra di Camaioni. Finisce 1-2 ed è un tripudio. Terzo risultato utile consecutivo per l ’Atletico Azzurra Colli, che permette alla compagine di Amadio di agganciare il San Marco Servigliano a quota 15 e di guardare con una dose di ottimismo all’inmediato futuro, che vede opposto il Colli al forte Porto D’Ascoli.

Iovannisci al Grottammare, Dolegowski a Colli

Atletico Azzurra Colli comunica di aver definito due operazioni di mercato nelle ultime ore. Il fantasista Gianmarco Iovannisci è stato ceduto alla società Grottammare Calcio, mentre il difensore Adrian Antoni Dolegowsky è stato ingaggiato dal Porto D’Ascoli. Iovannisci lascia il Colli dopo aver contribuito con due reti e un assist al girone d’andata rossoazzurro. La società lo ringrazia per l’impegno profuso e gli augura le migliori fortune. Il difensore polacco Dolegowsky è un under. Classe 2000, può ricoprire indistintamente il ruolo di terzino destro e sinistro. Proviene , come detto sopra, dal Porto D’Ascoli. A lui il nostro più caloroso benvenuto!

15’Giornata : Grottammare-Atletico Azzurra Colli 0-0

GROTTAMMARE : Palanca 6.5, Orsini 6, Lanza 6.5, Crescenzi 6, Carboni 5.5 (64’ Rosetani 6), Marini 7, Jallow 5.5, De Cesare 5.5, Ciabuschi 6, De Panicis 5.5 (64’Calvaeresi 6), Vallorani 6. All. Manoni

A.A.COLLI : Camaioni 6, Stangoni 7, Leopardi 6, Monserrat 6.5, Stacchiotti 6.5, Alfonsi 6.5, Fiscaletti 6 (68’Mancini 5.5), Cernaz 6.5(85’Croce sv), Polisena 5.5 (65’Gaeta 5.5), Nociaro 6(80’Bastianello sv), Reilly 6.5. All. Amadio.

Arbitro : Cardelli 6

GROTTAMMARE : Pareggio pre-Natalizio tra Grottammare e Colli che, nonostante il risultato ad occhiali, hanno dato vita a un bello spettacolo, con una ripresa vibrante dove entrambe le compagini hanno provato a vincerla, dimostrando ampiamente di non meritare la brutta classifica che hanno. Formazioni. Il Grottammare parte con un 4-3-3 molto coperto, con De Panicis e Jallow pronti a scalare sulla linea dei quinti di centrocampo. Colli che si schiera con un 4-2-3-1 che vede Fiscaletti su Carboni e Cernaz e Alfonsi in mediana. Torna titolare Stangoni a destra dopo più di un mese. Leopardi a sinistra. Primo quarto d’ora di studio. Poi la prima emozione. Perfetto calcio piazzato dalla destra di Cernaz, stacco perentorio di Monserrat e palla che colpisce in pieno la traversa a Palanca battuto(il giovane portiere sostituiva l’infortunato Beni). Al 25 si affaccia il Grottammare. Scambio al limite tra Ciabuschi e De Panicis con quest’ultimo che fa partire un fendente che termina la sua corsa sopra la traversa di Camaioni. Colli che fa la partita con personalità. Grottammare che agisce di rimessa e si affida all’estero di De Panicis, che al 33’mette Jallow in condizione di battere a rete ma il suo tentativo di destro va alto. Risposta ospite a fine primo tempo con un tiraccio dal limite di Fiscaletti. Palla che va fuori lontano dal palo. Si va al riposo sullo 0-0. In avvio di ripresa, occasione ghiotta per il Colli. Polisena orchestra un contropiede dalla sinistra e serve l’inserimento di Fiscaletti. Il suo sinistro è ribattuto da Palanca in uscita disperata. La girandola di cambi avvenuta attorno alla mezz’ora, dopo che un tiro cross di De Panicis attraversava tutta l’area di rigore, favorisce i locali dando loro nuova linfa. Ci prova Ciabuschi di testa su assist di Vallorani, palla fuori. Poco prima, Gaeta su punizione aveva saggiato i riflessi di Palanca. Al 75’Jallow sfrutta male un contropiede sprecando di destro. Al 75’si rifà vivo il team di Amadio con una conclusione di Cernaz dal limite. Palanca devia in corner. L’ultima palla gol capita a Ciabuschi nel finale, che, favorito da una sponda esterna sugli sviluppi di un calcio piazzato, spreca maldestramente sul fondo.

Ora il campionato si fermerà due settimane per poi riaprirsi con Vigor Senigallia- Colli. Buone feste a tutti !!

Grottammare – Colli : un derby da brividi.

Con 15punti e due sconfitte consecutive, è tutt’altro che rassicurante la situazione del Grottammare di mister Manoni, che avrà col Colli il vantaggio di poter sfruttare il fattore campo in una gara che si preannuncia tesa come una corda di violino, un derby all’ultimo sangue quello che appunto si disputerà domenica al Pirani alle ore 14:30. La squadra di Manoni dovrebbe recuperare il portiere Beni e probabilmente schiererà dal primo minuto il difensore Vallorani, appena tornato biancoblu dopo l’esperienza al Nereto. L’esperienza di Carboni in mediana è sicuramente un toccasana per la giovane compagine rivierasca, che si appoggia tantissimo a lui per dare inizio alla manovra. Davanti, la punta di diamante è sicuramente Ciabuschi. Il giovane ascolano è l’uomo da tener d’occhio più di tutti, affiancato poi dal vivace De Panicis. L’Atletico Azzurra Colli presenterà due ex tra le proprie fila. Il portiere Camaioni e il difensore Di Antonio, con quest’ultimo assoluto protagonista nelle ultime stagioni e perno imprescindibile della compagine biancoblu.

Mercoledì di lavoro. Mancini corre verso il recupero.

Seduta di allenamento prettamente basata su rapidità e tecnica quella svolta ieri dalla compagine guidata da Peppino Amadio presso il campo dell’Hotel Casale. Squadra che si è allenata prima con attivazione fisica, poi una parte tecnica per poi riprendere nuovamente un lavoro fisico basato su rapidità e agilità. Per finire, doppia partitella finale , ultima delle quali a cui non ha preso parte il difensore Roberto Stacchiotti per un lieve fastidio alla caviglia, che comunque non desta preoccupazioni. Ha finalmente svolto tutto l’allenamento con la squadra anche il centrocampista Lorenzo Mancini, che appare pienamente recuperato dopo l’infortunio rimediato venti giorni fa nella gara contro il Sassoferrato Genga ed è quindi arruolabile per la gara di Grottammare, match che assume i contorni quasi di uno spareggio. Si è allenato ancora a parte Nicolai, alle prese con un guaio alla caviglia che lo tormenta da circa un mese. Oggi nuova seduta di allenamento, questa volta a Colli del Tronto. Poi rifinitura sabato mattina presso l’Hotel Casale, quando verrà diramata la lista dei convocati in vista del match di domenica.

Intanto, domenica sera si svolgerà, al termine della gara di Grottammare, la consueta cena di Natale nella quale prenderanno parte dirigenti, staff, tesserati, sponsor e tifosi.