“Calcio ultimo dei pensieri. Tuteliamo la nostra salute.”

Tra le righe del Corriere Adriatico, ieri è stato intervistato il presidente dell’Atletico Azzurra Colli Giovanni Fioravanti. Col campionato fermo da più di un mese ormai e le possibilità di terminarlo ridotte sempre di più, al presidente è stato chiesto che idea si è fatto della situazione presente e futura, dove si minaccia un probabile ridimensionamento generale sia delle società iscritte sia dei rimborsi ai calciatori. Queste le sue parole.
-Ci troviamo dentro a una situazione imprevista e a noi sconosciuta. Sinceramente per me, per adesso, il calcio è l’ultimo dei pensieri. Lo è per noi dirigenti e lo è anche per i nostri ragazzi. Di fatti, molti ragazzi presenti nel nostro organico non sono più qui, in quanto non del posto. Tutti o quasi sono rientrati con le proprie famiglie e pensiamo tutti a salvaguardare la nostra salute. Per quanto riguarda il futuro, non penso che le società ammainino bandiera bianca. Sono più orientato al credere che, con un netto quanto ovvio ridimensionamento dei budget, tutti siano indirizzati a ripartire, sfruttando però di più i vivai e il settore giovanile.-
Chiusura dedicata ai rimborsi per i prossimi mesi. -Non so se si ripartirà e quando si ripartirà. Spero che venga presa una strada giusta. Nel caso non si giochi, siamo pronti a risolvere di comune accordo coi nostri giocatori la questione economica.-

Monserrat prossimo al rientro :”Ormai ci siamo. Manca davvero poco.”

Acquisto di punta del mercato di Dicembre, Nicolas Monserrat ha subito un grave infortunio nella gara contro il Castelfidardo un mese fa, al braccio, che lo ha costretto a stare fuori fino ad ora. Il calvario però , ora volge al termine. Il possente difensore centrale infatti, giovedì toglierà il gesso e conta di tornare ad allenarsi ben presto. Con lui abbiamo fatto il punto della situazione sul suo stato fisico e sul momento attuale e futuro della squadra.
-Innanzitutto come stai e come procede il recupero ?-

-Il recupero procede bene. Dovrò togliere il gesso giovedì e riprendere subito ad allenarmi. Non ho potuto fare molti lavori specifici in questo mese in quanto mi è stato proibito.-

-Tra quanto pensi di tornare a essere a disposizione ?-

-Io voglio esserci il prima possibile. Voglio cercare di recuperare tutto il tempo perso ed essere a disposizione del nostro mister la prossima settimana. Dovrò però attendere il parere dei medici, fisioterapisti e quant’altro. Speriamo che tutto proceda per il meglio. Sono fiducioso.-

-Come spieghi la sconfitta di sabato che mette fine a un buon rendimento interno ?-

-Spiegare la sconfitta di sabato non è facile. Abbiamo fatto un primo tempo bellissimo, all’altezza. Ma poi probabilmente abbiamo pagato mentalmente il gol subito in apertura di ripresa. La squadra era messa in campo bene come sempre, con tutti predisposti al sacrificio. Ma quel gol in qualche modo ci ha segnato, non riuscendo a reagire al colpo preso. È stata solo una questione psicologica, non c’entra nulla sicuramente l’aspetto tecnico ne quello tattico. Il primo gol ha rappresentato un fattore determinante per noi in negativo.-

-Come si deve ripartire per la partita contro il San Marco, a prescindere dal fatto che si giochi questo sabato o il prossimo ?-

-Secondo me non dobbiamo affatto ripartire. Perché dire che si deve ripartire vuol dire che finora abbiamo fatto poco bene. Noi dobbiamo solo continuare il nostro percorso come accaduto fino al minuto 48 di sabato scorso. La prima cosa da fare è quella di limitare gli errori. Più tempo passa e meno margine per recupero abbiamo. Quindi in primis quello è il nostro obiettivo. Abbiamo poi tanta voglia di riscatto e la testa giusta secondo me per fare risultato contro un avversario difficilissimo come il San Marco. Però potremmo farlo solo limitando gli errori, perché davanti a noi affronteremo un attacco temibile.-

-Puntate ancora alla salvezza diretta o arrivare già ai play out a una posizione favorevole potrebbe essere un buon risultato ?-

-Guardiamo partita per partita e lavoriamo per fare più punti possibili. Non interessa salvarci direttamente o tramite i play out perché qualsiasi sia la situazione nella quale ci troveremo tra due mesi, dovremmo essere pronti per affrontarla. Ovviamente se vinciamo molte partite da qui alla fine ci salveremo, e quello è il nostro obiettivo ma lo è anche per gli altri, ovviamente. Non importa come. Importa salvarci e basta.-

-Come ti stai trovando a Colli con la squadra, il mister e la società ??-

-Nel calcio si possono vivere dei momenti brutti, come quelli che sto vivendo per l’infortunio, ma anche nel buio sono riuscito a trovare una luce che è rappresentata da questa gente che vive il calcio a Colli con grande passione. Mi sembra davvero difficile trovare persone migliori nel panorama dilettantistico rispetto a quelle che ho trovato qua. Presidente, direttore, , dirigenti che mi fanno sentire a casa, che mi stanno vicino da quando sono arrivato e dal momento dell’infortunio, mi chiamano, mi scrivono messaggi e non mi hanno mai lasciato solo nemmeno per un attimo. Il gruppo è sano oltretutto, fatto di amici prima ancora che di giocatori. Un mister che ci trasmette una grande carica emotiva e questo potrà essere un altro fattore determinante in questa lotta. Sono veramente entusiasta e convinto della scelta fatta a Dicembre. Tutti meritano la salvezza.-

23’Giornata : Atletico Azzurra Colli- Forsempronese 1-2

A.A.Colli : Cetrangolo 6, Leopardi 5.5, Di Antonio 5.5 (87’Gaeta sv), Stacchiotti 5.5, Stangoni 5.5, Alfonsi 5.5, Fiscaletti 6.5(67’Polisena 6), Cernaz 6, Pavone 5.5(80’Piergallini sv), Giorgio 6(82’Stipa sv), Reilly 6. All. Amadio

Forsempronese : Piagnarelli 6, Camilloni 6.5, Rossetti 6, Pandolfi 7, Patarchi 7, Buresta 7.5, Loberti 6 (86’Copa sv), Conti 6.5(82’Gallotti sv)Barattini 7, Paradisi 7, Battisti 7. All. Fucili’

Arbitro : Pazzarelli 5.5.

Reti : 33’Fiscaletti,48’Barattini,86’Buresta.

Colli del Tronto : Sconfitta inopinata per la compagine di Peppino Amadio al termine dell’anticipo della 23’giornata del campionato di Eccellenza. La squadra di casa incappa in una prestazione negativa, specie nella ripresa, contro un ottimo Fossombrone, che crea poco ma ci prova di più e alla fine merita il successo. Il Colli paga alcune disattenzioni fatali specie nel finale, quando la partita poteva essere portata a termine sul punteggio di 1-1 ma una marcatura ballerina fa si che Buresta incocci di testa la sfera e la butti alle spalle di Cetrangolo. Formazioni. Atletico Azzurra Colli, schierata col 4-3-1-2, perde Mancini alla vigilia ma recupera Cernaz che torna titolare a centrocampo. Confermatissimi Pavone e Reilly, Alfonsi e Giorgio sono i due under.
La Forsempronese ritrova Pandolfi dal primo minuto e lo getta nella mischia come vertice basso della mediana. Tra i pali torna Piagnarelli. Buretta e Patarchi i due centrali. Partenza migliore dei ragazzi di Fucili vicino al gol al minuto 3 con Battisti, la cui conclusione è deviata in corner da Cetrangolo. Sugli sviluppi, colpo di testa fuori di Patarchi. Risposta del Colli con un destro di Pavone successivo a una spizzata di Reilly ma palla centrale che finisce docile tra le braccia di Piagnarelli. Al 15’occasione clamorosa per i padroni di casa . Piazzato di Cernaz dalla sinistra, Stacchiotti a due passi cicca la deviazione decisiva. Al 33’il gol del vantaggio. Ottima azione di Pavone sulla sinistra che sfonda, serve in mezzo Fiscaletti che con una pregevole finta mette a sedere due difensori e di sinistro insacca. Vantaggio che scuote gli ospiti, pericolosi con un incursione del vivace Battisti. Palla che termina a lato la sua corsa. Al 41’ errore di Di Antonio che lancia a rete Loberti. Il fuoriquota ospite temporeggia troppo e il difensore recupera. Azione in fotocopia nella parte opposta, errore di Buresta e Reilly si invola ma Piagnarelli dice no. Si va al riposo sull 1-0. Nella ripresa, ospiti che cambiano decisamente marcia e trovano subito il pareggio. Da un cross proveniente dalla sinistra, retroguardia in bambola su Battisti che impegna Cetrangolo. Sulla ribattuta, è Barattini a infilarsi tra le larghe maglie della difesa e fare gol. Il pareggio da nuova linfa agli ospiti mentre mette alle corde
I locali che reagiscono solo con un missile di Reilly che va alto. Ospiti che tengono in mano il pallino del gioco, Colli che si difende con qualche affanno. Al 53’Buresta fa le prove generali del gol da calcio d’angolo, ma il suo colpo di testa è debole e centrale. Cetrangolo para. Al 64’ancora Cetrangolo con qualche affanno sul piazzato di Paradisi. Il Colli ora fa fatica a uscire, il Fossombrone sembra averne di più e trova la rete alla fine. Calcio d’angolo di Paradisi e incornata di Buresta che stavolta batte imparabilmente Cetrangolo. È il gol che decide la gara.

Atletico Azzurra Colli : gestire i facili entusiasmi è il diktat settimanale

COLLI DEL TRONTO : Euforia a mille e entusiasmo ed ebbrezza che traboccano e strabordano dal vaso. Questo è lo stato d’animo che vige in casa Atletico Azzurra Colli dopo la rotonda vittoria di Fabriano. E se da un lato , questo è un aspetto positivo poichè accresce l’autostima, dall’altro rischia di trasformarsi in un boomerang, un’arma a doppio taglio , una potente miccia che torna indietro qualora non venga gestita bene. L’Atletico Azzurra Colli sta vivendo senz’altro un momento positivo, ma pensare che dopo la grande vittoria di domenica scorsa , arrivi di conseguenza un altro successo e si faccia un sol boccone della Forsempronese di Fucili, tra l’altro situata in un’ottima posizione di classifica, è quantomeno illusorio e totalmente fuorviante. L’esperienza insegna che quando l’entusiasmo e la sbornia post impresa si tramutano in presunzione e superficialità, oltre che sottovalutazione dell’avversario, si incorre in grandi scoppole. Ma fortunatamente, siamo altresi sicuri che mister Amadio e il suo staff, stiano facendo ricorso a tutte le loro energie per far restare i ragazzi di Colli sul pezzo, perchè nulla è ancora fatto. Siamo sicuri che sabato alle ore 15, la squadra indosserà l’elmetto di combattimento, perchè i risultati dell’Atletico Azzurra Colli non possono arrivare senza far ricorso a quelle che sono le doti , i tasti e le caratteristiche sulle quali il mister ha battuto fin dal primo giorno del suo arrivo. Atteggiamento, aggressività, voglia di fare risultato con immenso spirito di sacrificio e compattezza. Essere squadra, quello in primis, non deve mai mancare. Entusiasmo si , ma anche piedi per terra. Battere il ferro quando è caldo è un ottima possibilità. Mantenere sempre l’umiltà è un dovere.

22’Giornata : Fabriano Cerreto – Atletico Azzurra Colli 0-4

Fabriano Cerreto : Santini 5.5, Della Spoletina 5(70’ Salvatori sv), Lispi 5, Di Lallo 5(58’Koci 5.5) Stortini 5, Marengo 5, Carmenati 6.5 Cusimano 5.5, Liberto 5.5 (55’Moretti-66’Dauti 5.5), Tizi 5.5 (79’Ferreyra ), Montagnoli 6. All. Fenucci

Atletico Azzurra Colli : Cetrangolo 6.5, Leopardi 6 , Di Antonio 6.5, Stangoni 6.5 (75’Stipa sv), Stacchiotti 7, Fiscaletti 7, Nociaro 6.5(62’Alfonsi 6.5), Mancini 7.5, Pavone 8.5 (81’Piergallini sv ), Giorgio 7.5(77’Croce 6.5 ), Reilly 8 (82’Polisenasv )All. Amadio.

Arbitro : D’Angelo (Trapani) 7
Reti : 2’-57’Reilly, 12’-54’Pavone

Fabriano : Punti salvezza pesanti quest’oggi in palio all’Aghetoni di Fabriano in uno scontro diretto tra Fabriano e Colli. Se lo aggiudica con pieno merito il Colli di mister Amadio, che torna al successo maramaldeggiando con veemenza sui resti del malcapitato Fabriano Cerreto. Passivo eclatante, reso ancor più legittimo dalle sesquipedali palle gol create nell’arco di tutta la gara. Anche dopo il 4-0. È stata la partita in cui l’Atletico Azzurra Colli ha scoperto il gioiello di Omar Giorgio, autore non solo di tre assist ma di una serie infinita di giocate che lo hanno sempre tenuto nel vivo del gioco, e ha riscoperto la verve della coppia Reilly-Pavone, oggi imprendibili. A questo punto la classifica inizia a sorridere alla truppa rossoazzurra, che scavalca due squadre, Fabriano compreso, e guarda in avanti con rinnovato ottimismo. Formazioni.Numerose variazioni per mister Amadio, che, pur confermando il 4-2-3-1 ormai canonico, abbassa Mancini affianco a Fiscaletti dando spazio dal primo minuto a Giorgio sotto la punta Pavone, con Reilly a sinistra e Nociaro a destra. Solo panchina inizialmente per Alfonsi e per il rientrante Polisena. Fenucci invece conta sull’estro di Montagnoli per far male lateralmente alla difesa rossoazzurra. Finisce in panchina Domenichetti, Liberto e Tizi completano il pacchetto avanzato. Partenza al fulmicotone della squadra di Amadio che al secondo minuto è già in vantaggio. È l’irlandese Reilly che esplode un bolide dai 25 metri, successivo a una spizzata di punta di Giorgio, che lascia praticamente di sasso il portiere Santini. Il Fabriano prova a reagire con un colpo di testa di Tizi che da posizione invitante scalda i guanti attenti di Cetrangolo. Al 12, il raddoppio. Pavone vince caparbiamente un duello in contropiede con Stortini e batte implacabilmente Santini. Primo gol del Tanque argentino che festeggia sommerso dagli abbracci dei compagni. . Colli sul velluto ancora con Pavone attorno al 20’che spreca un contropiede, l’ennesimo che la distratta retroguardia di casa concede, calciando alto. Al 24’ il Fabriano, fino ad allora un pugile suonato all’angolo, inizia a macinare gioco. È Montagnoli il primo a calciare alto da buona posizione. Al 28’su corta respinta aerea del difensore Stacchiotti, è lo stesso Montagnoli a provare un missile dai 25metri. Palla altissima. Al 30’ azione fantastica di Carmenati che taglia a fette la retroguardia ospite e mette Liberti in condizione di battere a rete. Provvidenziale l’uscita di Cetrangolo che chiude l’avanzata dell’attaccante locale. Al 33’ci riprova ancora il temibile Montagnoli. Palla alta ancora una volta sul lato corto dell’area di rigore. Dopo aver subito per un quarto d’ora, al Colli capita un’ennesima occasione per chiuderla. È Giorgio che salta netto Di Lallo e mette in mezzo per l’accorrente Reilly che non arriva all’appuntamento col gol di testa per un soffio a porta vuota. Ad avvio ripresa, il Colli cala il tris. Giorgio dalla sinistra serve su un piatto d’argento un assist a Pavone che infila la sua doppietta personale. Subito dopo gli ospiti dilagano. Ancora Giorgio, a tutto campo, scappa sulla destra e crossa per l’accorrente Reilly che infila il quarto gol. Colli ormai sul velluto e Fabriano alle corde. Tante le occasioni per calare il pokerissimo che capitano al rientrante Piergallini, a Polisena, a Mancini, Alfonsi e Reilly. Ma il punteggio non cambia. Risultato roboante, il Colli ora ci crede.

Mancini : “La società merita la salvezza. Ci tireremo fuori!”

Ospite della trasmissione “Picchio Club”, è stato il centrocampista Lorenzo Mancini a parlare del momento della squadra e della lotta salvezza, che si appresta a entrare nel vivo a partire da domenica con il Fabriano Cerreto.
-Stiamo bene, in questo momento, nonostante la sconfitta di due settimane fa in casa del Gallo, veniamo da un trend di 8 risultati positivi su 10. Ma è evidente che non basta perché siamo ancora nella zona rossa della classifica. Dobbiamo fare ancora di più perché per uscire dalla zona retrocessione abbiamo bisogno di ulteriori risultati.-
Mancini parla poi dell’andamento del campionato del Colli e delle altre squadre. -Non è stato un avvio facile ma ce lo aspettavamo. Quando affronti un ripescaggio fai fatica ma la società ha avuto il grande merito di non mollare mai. Una società così è veramente difficile riscontrarla in queste categorie. Ci trasmettono quotidianamente la loro passione, il loro attaccamento e la loro voglia di non mollare niente, che è nel loro Dna. Dobbiamo salvarci per forza, o attraverso i play out o direttamente. Io guardo ancora alla salvezza diretta, non abbiamo alternative perché questa piazza non merita di retrocedere. Il campionato è difficilissimo, forse il più duro degli ultimi anni. La presenza di Ancona, Castelfidardo, Senigallia e di calciatori come Mastronunzio, Bartolini, Ridolfi, Rizzato e Napolano alza notevolmente il livello. Ma noi ci siamo e lo abbiamo dimostrato anche domenica, quando col Montefano avremmo meritato senz’altro di più. Ora siamo attesi da un vero e proprio scontro diretto con il Fabriano Cerreto. Va da se che andremo la per fare punti, col massimo rispetto.”

CI SIAMO !!

Inizia il rush finale, da domenica 9 battaglie all’ultimo sangue per strappare la permanenza nella categoria.

Stringiamoci attorno ai nostri ragazzi e facciamo sentire loro la nostra presenza anche sugli spalti avversi per questo caldo finale di stagione. Trasferte lunghe e impegnative. Ma insieme si può !!

Domenica 16 Febbraio

FABRIANO CERRETO- ATLETICO AZZURRA COLLI

FORZA RAGAZZI !!!

21’Giornata : Atletico Azzurra Colli- Montefano 0-0

Atletico Azzurra Colli : Cetrangolo 6, Leopardi 6.5, Di Antonio 7, Stacchiotti 6.5, Stangoni 6.5, Alfonsi 6, Nociaro 6, Fiscaletti 6.5, Pavone 6 (82’Gaeta 6), Mancini 6.5, Reilly 5.5. All.Amadio

Montefano : Palmieri 6, Donnari 6.5, Del Moro 5.5, Vipera 6, Lapi 6, Moschetta 6.5, Latini 5.5, Mastronunzio 5.5, Carotti 7(82’Palmucci sv), Bonacci 5.5(90’Cingolani sv). All. Lattanzi

Arbitro : Toro 6

Colli Del Tronto : Contro un Montefano che veniva da 7 risultati utili consecutivi con 6 vittorie di fila e un pareggio, l’Atletico Azzurra Colli ottiene un pareggio che muove la classifica con il grande merito di aver tenuto inviolata la porta di Cetrangolo contro un attacco super. Latini e Mastronunzio hanno trovato sulla loro strada un asse di destra Leopardi-Stacchiotti sempre attento è concentrato, mentre Bonacci ha dovuto far fronte al miglior Di Antonio della stagione, che ha chiuso con sicurezza ogni varco. Formazioni.Per il Colli, recupero di Stangoni dal primo minuto che viene affiancato a Stacchiotti. Leopardi torna nel suo ruolo naturale di terzino destro con Di Antonio a sinistra. Anche per Cernaz qualche problema fisico . Nociaro torna titolare al posto dello squalificato Polisena. Montefano con il bomber Mastronunzio a menare le danze e aprire i varchi per gli inserimenti specialmente di Bonacci. Tra i pali, Palmieri sostituisce lo squalificato Rocchi, mentre il solito Moschetta comanda la linea difensiva. Partenza migliore dei padroni di casa pericolosi prima con Pavone, che scappa via alla retroguardia e poi effettua un tiro cross non toccato da nessuno, e poi con Stangoni che di testa alza troppo la mira. Al 18’palla gol per il Montefano. Mastronunzio viene servito in verticale da Carotti, il suo diagonale è bloccato con estrema sicurezza da Cetrangolo. Il Colli preme, il Montefano agisce di rimessa. Al 32’punizione di Mastronunzio. Cetrangolo ribatte con qualche affanno. Minuto 40. Mancini serve Reilly in verticale, la sventola dell’irlandese è fuori misura. Ultima azione allo scadere. Cross di Mancini dalla destra, la difesa ribatte e Di Antonio interviene al volo dal limite. Palla fuori. Il primo tempo termina col Colli che ai punti avrebbe meritato qualcosina in più. La ripresa si apre con un Montefano migliore, che pigia di più sull’acceleratore ma non trova la porta di Cetrangolo. Il Colli si difende con ordine e le occasioni sono poche. Capitano però entrambe alla truppa di Amadio. La prima al minuto 80. Corner di Fiscaletti, sponda di Pavone e Stangoni sul secondo palo arriva con un secondo di ritardo. La seconda al minuto 87’ Nociaro si beve Donnari in contropiede e arriva a tu per tu con Palmieri. Il suo tiro è impreciso e l’occasione sfuma clamorosamente. Finisce 0-0, un risultato che permette al Colli di staccare di un ulteriore punto il San Marco Servigliano e di presentarsi al big match col Fabriano Cerreto con molta più sicurezza.

Stacchiotti suona la carica : “Col Montefano niente errori!”

In vista della gara col Montefano, è il difensore e capitano Roberto Stacchiotti a fare il punto della situazione. Al termine della rifinitura, il centrale abruzzese ha rilasciato queste dichiarazioni al nostro portale.
-Nella gara di sabato, qualcosa non ha funzionato – ci dice Stacchiotti- specialmente nel primo tempo. Affrontavamo una squadra forte, ma, nonostante lo sapessimo, abbiamo avuto un atteggiamento diverso da quello delle ultime gare. Qualcosa non è andato per il verso giusto, e il mister ha avuto ragione a farcelo notare quando poi in settimana lo abbiamo analizzato. Nella ripresa poi è andata meglio, ma reggere un tempo in dieci contro una squadra così forte era difficile. Sono convinto che si è trattato solo di una battuta d’arresto- prosegue Stacchiotti-, perché tutti abbiamo ben chiaro l’obiettivo e la strada da percorrere per perseguirlo. È folle pensare di poter avere cali mentali ora, a questo punto del torneo. A parziale scusante, posso dire che venivamo da una situazione settimanale difficile.-
In effetti, gli infortuni hanno tormentato i rossoazzurri, ma Stacchiotti non demorde.-Non può essere affatto un alibi di ferro, anzi tutt’altro. Monserrat e Camaioni erano due perni della nostra retroguardia, ma la loro assenza deve spingerci ancor di più a dare quel qualcosa in più per migliorare il nostro rendimento. Chi gioca deve dare ancor di più per sopperire alle assenze.-
Annata molto difficile, quella della societa e della squadra di Colli. Stacchiotti lo sa, e quando gli chiediamo quanto possano aver influito i nuovi arrivati di Dicembre, lui ci risponde così : -Sicuramente hanno dato una grossa mano. L’annata è partita col piede sbagliato. Il ripescaggio arrivato tardi non ha concesso alla società di costruire una squadra completa per la categoria. Questo è un campionato difficilissimo, uno dei più difficili da quando gioco. A dicembre poi i dirigenti sono intervenuti col giusto impegno e i loro sforzi devono essere ripagati. Purtroppo l’infortunio di Monserrat ci ha privato di una pedina sulla quale tutti contavamo ma, ripeto, non deve diventare un alibi.-
Il tema più caldo, quello più importante, lo abbiamo lasciato per ultimo. La gara col Montefano. -In settimana abbiamo lavorato con attenzione perché certi errori fatti sabato scorso non devono più ripetersi. Affrontiamo la squadra più forte del momento e non possiamo permetterci di sbagliare l’atteggiamento. Non esiste al mondo. Occorrerà probabilmente la partita perfetta ma dobbiamo essere pronti a non sbagliare niente. Non abbiamo più margini di errore per coltivare la speranza del raggiungimento degli obiettivi.-

20’Giornata : Atletico Gallo – Atletico Azzurra Colli 2-0

A.G. Colbordolo : Cappuccini 6, Taribello 6, Cerreti 5.5 (61’Mariotti 6), Persici 6, Nobili 6.5, Mistura 6, Tonucci 7, Rizzato 6, Calvaresi 7(90’Pedini sv), Muratori 7.5, Focarini 5.5 (69’’Omiccioli 6). All. Mariotti

A.A. Colli : Cetrangolo 6, Stipa 5.5, Leopardi 5.5, Stacchiotti 6, Di Antonio 6 (80’Nicolai sv), Alfonsi 6.5, Polisena 5.5, Fiscaletti 5.5 (76’Stangoni 6), Pavone 6(73’Nociaro 6), Cernaz 6(90’Giorgio sv), Reilly 6.5. All.Amadio

Arbitro : Serenellini 4.5

Reti :72’-85’ (r) Muratori.

Cade dopo 6 turni l’ Atletico Azzurra Colli, sconfitta dall’ Atletico Gallo Colbordolo al termine di una gara combattuta e vibrante. Entrambe le squadre avevano numerosi infortuni alla vigilia. Per il Gallo, all’assenza per squalifica di Belkaid e per infortunio di capitan Bartolini, si è aggiunta in extremis anche quella di Rodolfi, sostituito da Focaroli. Per il Colli invece, out Monserrat e Camaioni, sostituiti da Di Antonio e dall’esordiente Cetrangolo tra i pali. Disastrosa la direzione di gara del signor Serenellini di Ancona, ma in generale di tutta la terna, apparsa esageratamente casalinga è quantomeno distratta negli episodi chiave. La partita. È il Colli a farsi pericoloso nelle battute iniziali con una discesa di Reilly. Il suo diagonale è bloccato da Cappuccini. Attorno al v, si sveglia il Gallo. Calvaresi è l’uomo più pericoloso. Dapprima , minuto 14’mette un pallone invitante sulla testa di Rizzato, che spreca. Poi, minuto 15, si mette in proprio saltando mezza difesa ma va al tiro impreciso. Torna a farsi vivo il team di Amadio prima con Di Antonio, che scaglia un bolide di sinistro che sfiora l’incrocio, e poi col solito Reilly. Imbeccato da Leopardi, il suo sinistro è deviato in corner da Nobili. Ci prova poi Muratori. Tentativo debole, para Cetrangolo. Al 26’ episodio chiave. Polisena in contropiede vince un rimpallo sfiorando la palla col braccio, in maniera del tutto involontaria. L’arbitro inspiegabilmente lo ammonisce. Appena 15 minuti dopo, lo stesso Polisena commette un fallo su Tonucci, prendendo la seconda ammonizione che costa il rosso. A questo punto la montagna, già dura da scalare per la situazione, diventa quasi insormontabile. Nella ripresa, è addirittura il Colli a farsi pericoloso con Cernaz che, servito da Reilly, sfiora l’incrocio di sinistro. Il Gallo preme ma in maniera confusionaria. Il Colli si difende soffrendo ma con ordine. Servirebbe un episodio che arriva al 72. Da un corner molto dubbio per i locali, Muratori si inserisce e infila Cetrangolo imparabilmente sul secondo palo. Nel finale, è ancora Muratori a raddoppiare. Dal dischetto infatti fredda Cetrangolo. Il fallo era stato di Nicolai.