26’GIORNATA: ATLETICO AZZURRA COLLI-PINTURETTA 2-1

ATLETICO AZZURRA COLLI : CAMAIONI 6.5, ACCIAROLI 6, CROCE 6.5, STANGONI 6, LUCIANI 6(73’GYABAA 7), ALIJEVIC 6.5(40’GRILLI 6), ZHARAOUI 6, COCCIA 6.5, GIANSANTE 6.5, CROCETTI 7.5, NARDINI 6.5(70’MARIANI 6.5). ALL. FUSCO

PINTURETTA: VALLESI 5.5, VERDECCHIA 5.5, CANCELLIERI 5.5, DRAGJOSHI 6.5, MOSCA 6, GOBBI 6.5, POSTACCHINI 5.5 (76’RAKIPI sv) MANCINI 6, MARILUNGO 6.5, SPAGNA 7, BENIGNI 5. ALL. FONTANA

ARBITRO : CLEMENTI 7

RETI :26’ALIJEVIC,69’MARILUNGO,91’CROCETTI ( r ).

COLLI DEL TRONTO: Vittoria vitale dell’Atletico Azzurra Colli in casa contro la mai doma Pinturetta, squadra che naviga nelle cattive acque della classifica di Promozione. Un successo maturato nel finale e che vale più dei 3 punti effettivamente conquistati. Senza Paoluzzi e Battilana, Fusco rilancia Coccia, Croce e Nardini nel 4-3-3, mentre Fontana ribatte col canonico 4-4-2 dove Spagna e Marilungo pungono più volte la difesa. Avvio di gara soporifero. Al 20’ il primo episodio. Spagna prova una sventola dai 20 metri, Camaioni è presente. La risposta di Nardini tarda solo 2 minuti. Il suo tiro dal limite dell’area sibila vicino al palo alla sinistra di Vallesi. Al 27, bellissima azione sull’asse Nardini-Alijevic, con il primo che mette il secondo dal lato destro dell’area di rigore. Il bosniaco si inserisce coi tempi giusti e infila. Lo stesso Alijevic poi si fa male ed è costretto a uscire rimpiazzato da Grilli. Finale di tempo con un emozione per parte. Prima Spagna salta l’intera retroguardia ma calcia debolmente. Poi bellissima azione di Nardini che scappa via sulla destra ma tarda il servizio per Crocetti. Si va al riposo sull 1-0. A inizio ripresa ancora l’incontenibile Spagna con un gran tiro dal limite, Camaioni si esalta e ricaccia dall’incrocio il tentativo del numero 10 avversario. Risponde Grilli dal vertice sinistro dell’area ben servito da Croce, la sua conclusione è alta di poco. Al 53’Nardini e Crocetti duettano dal limite, il capitano però manda alto. Al 68’ Spagna ancora di testa, Camaioni ribatte. È il preludio al gol. Mancini beffa Camaioni che esce troppo dai pali e mette in mezzo per Marilungo che infila a porta vuota. Il gol del pari ospite da la scossa ai nostri, penalizzati oltremodo dall’infortunio di Luciani, sostituito da Gyabaa con Coccia che scala dietro. Due azioni tambureggianti in fotocopia del neo entrato Mariani mettono Zahraoui in condizione di battere a rete. Due palle gol clamorose fallite. Al minuto 85’ rischia la beffa clamorosa in contropiede il Colli. Spagna porta a spasso tutta la retroguardia e serve Benigni che, sul secondo palo a Camaioni battuto, cicca clamorosamente la palla del vantaggio. E come nelle leggi del calcio : gol mangiato gol subito. Gyabaa infatti in mischia si butta su un pallone vagante con anima e cuore e viene steso da Vallesi. Rigore netto che Crocetti realizza, fissando il punteggio sul 2-1 e arrivando al nono centro stagionale. Nel finale, sono davvero clamorose le palle gol fallite da Mariani e Giansante in contropiede 

Fusco : ”Aspettavamo questa vittoria. Ora diamo continuità.”

Salvatore Fusco è il ritratto della felicità dopo il successo di Montalto ottenuto con merito sabato scorso per 2-0. Il mister ha rilasciato al nostro portale queste impressioni.

Mister, finalmente si torna alla vittoria. Come avete vissuto questo periodo senza vittorie ?

-Ci tengo a dire che non è stato un periodo di sconfitte, ma abbiamo inanellato diversi pareggi, anche facendo delle buone prestazioni. Per assurdo, a Potenza Picena, laddove abbiamo perso, è stata una delle gare in cui meritavamo di più, vista la gran mole di gioco e il presunto rigore che ci fu negato. Non abbiamo mai perso nè la serenità nè l’identità. E il lavoro porta sempre i suoi frutti.-

Cosa non ha funzionato nelle precedenti partite ?

-Direi che è mancato qualcosina sul piano della convinzione, ma la squadra ha fatto sempre il suo dovere. La vittoria di Montalto è nata dalla grande forza di volontà e dalla serietà di questo gruppo. E’ un gruppo di gente seria che lavora mettendomi nelle condizioni di essere orgoglioso di loro. –

Ora, l’obiettivo è quello di fare i play off ?

-Si, siamo li, ce la giochiamo perchè stiamo nelle prime posizioni da tutto l’anno. Speriamo di recuperare tutti gli effettivi, abbiamo visto quanto abbiamo pagato l’assenza di un attaccante, la prestazione di Giansante a Montalto ha detto tanto. L’obiettivo è comunque quello di dare il massimo per raggiungere il massimo. Deve essere il diktat per queste prossime settimane. Giocare bene perchè attraverso le prestazioni si arriva ai risultati.-

Chiusura con dedica per qualcuno ?

-Dedica particolare per società e staff. La società perchè comunque non ci ha mai messo pressione in questi momenti particolari. Hanno fatto si che potessimo lavorare con serenità, mettendoci nelle condizioni giuste per ottenere risultati. Quindi ringraziamo presidente e dirigenti che hanno grande passione. Lo staff perchè nell’ombra e in silenzio è sempre pronto e presente a darmi una grossa mano in ogni frangente.-

25’GIORNATA : MONTALTO- ATLETICO AZZURRA COLLI 0-2

MONTALTO : PAOLINI 5.5, BRASILI 5.5, ALESSI 6, TASSOTTI 5.5, SCIELZIO 5.5, CARBONI GIANMARCO 6, CARBONI GIANLUCA 5.5 (79’GABRIELLI sv), BEJITA 5.5 (65’GIORGI 5.5), CARCA 5.5, BRUNI 6, DE LUCA 6 (70′ MATRICARDI 6). ALL. RICCIOTTI

A.A.COLLI : CAMAIONI 7, STANGONI 6.5, ACCIAROLI 6.5 (72’GYABAA 6), PAOLUZZI 6.5, LUCIANI 7, ALIJEVIC 7, ZAHRAOUI 7, GRILLI 6(58’MARIANI 7), GIANSANTE 7.5(68′ NARDINI 6.5), CROCETTI 6.5(91’MASCITTI SV), BATTILANA 6.5 (72′ CROCE 6.5). ALL. FUSCO

MONTALTO: Torna alla vittoria e con pieno merito la compagine di Salvatore Fusco che, dopo un mese e mezzo vissuto tra pareggi e sconfitte , ha la meglio del Montalto di Ricciotti sull’ostico campo avverso. Senza Coccia, recuperato solo per la panchina, Fusco da fiducia al 4-3-3 con Alijevic, Grilli e Battilana, con Crocetti e Zahraoui ai lati del rientrante Giansante. 4-3-1-2 invece per i ragazzi di Ricciotti con De Luca e Carca supportati da Bruni. Avvio soporifero, la prima emozione al quarto d’ora con Luciani che, sugli sviluppi di un corner, coglie in pieno la traversa. Risponde Carca, che spreca un’azione di rimessa con un debole pallonetto. Ci prova poi Bruni a sollecitare Camaioni, dopo aver saltato Stangoni. Il tiro è centrale e il portierone risponde presente. Partita tattica, priva di grosse emozioni, sbloccata al 37’da Giansante, che approfitta di una respinta errata di Paolini e infila sul secondo palo. Primo gol in maglia rossoazzurra per il toro di Giulianova, secondo in questo sfortunatissimo campionato per lui. La risposta dei locali è tutta in una punizione di Carca, respinta con estrema bravura da Camaioni. Nella ripresa, il Colli amministra il possesso palla, mentre il Montalto riesce poco o nulla a rendersi pericoloso. Le uniche giocate per impensierire la retroguardia ospite sono dei lanci a cercare la testa di Carca e De Luca sui quali però spadroneggiano i ”dioscuri” Luciani e Paoluzzi, quest’ultimo ammonito e diffidato, salterà Pinturetta.. Giornata negativa per i padroni di casa, autori fino a qui di un campionato molto onorevole. Tante le palle gol in contropiede create da Crocetti e Zahraoui a tratti imprendibili. Su una di queste, il neo entrato Mariani, servito appunto da Crocetti, infila sul secondo palo l’incolpevole Paolini per il 2-0. Potrebbe addirittura triplicare Nardini, anch’egli neo entrato, nel momento in cui il Montalto accusa il colpo del ko, ma la sua mira è imprecisa per due volte. Ancora Mariani prova nel finale un diagonale che va sul fondo. Ultimo sussulto è una parata doppia in uscita del super Camaioni sugli sviluppi di una mischia sui piedi di Carca. Prestazione di sostanza e di grossa concentrazione per la squadra di Fusco, apparsa finalmente rivitalizzata e protagonista di una prova di maturità su un campo difficile. Ora in attesa delle gare di domani, la classifica dice che siamo al terzo posto.

24’GIORNATA : ATLETICO AZZURRA COLLI- SANGIORGESE 0-0

A.A.COLLI : CAMAIONI 7, STANGONI 6, ACCIAROLI 6(68’GYABAA 6.5),PAOLUZZI 6, LUCIANI 6, ALIJEVIC 7.5, MARIANI 5.5, COCCIA 6(68′ CROCE 6 ), NARDINI 6 (62’GIANSANTE 6.5), CROCETTI 6.5, BATTILANA 6.5. ALL. FUSCO 

SANGIORGESE : CALVARESI 6.5, CUDINI 6.5, TIDEI 6, PETRUZZELLI 6.5, GOBBI 6.5, BIGONI 6, GABALDI 6, IUVALE’ 6.5, FABIANI 6 (70′ PELLICCETTI 5.5), BERETTI 5.5( 60′ CICCONI 6), GENTILE 5.5. ALL. PENNACCHIETTI

ARBITRO : BALEANI 7

COLLI DEL TRONTO : Finisce con un altro pareggio la gara dell’Atletico Azzurra Colli sul proprio campo contro la Sangiorgese. Uno scontro diretto per accaparrarsi la zona play off che vede la squadra di Fusco tenere ancora a debita distanza quella di Pennacchietti. Un pareggio diverso dagli ultimi, piuttosto amari, in quanto quest’oggi nella ripresa la squadra ha dato notevoli segni di miglioramento, pur soffrendo qualche ripartenza dei forti avversari, ma tenendo per l’ultima mezzora abbondante il pallino del gioco. Formazioni : entrambi i tecnici optano per il 4-3-3 con Fusco che dà fiducia ad Acciaroli nel ruolo di terzino sinistro, inserendo l’ottimo Battilana dall’inizio e recuperando Giansante tra i disponibili (entrerà nella ripresa). La Sangiorgese conferma il buon momento di forma ma paga l’imprecisione del suo uomo simbolo, Gabaldi. Tutti i pericoli nascono infatti da lui, che però risulta stranamente poco cinico sottoporta, fermato a più riprese anche dall’ottimo Camaioni. Pronti via, e Luciani fa correre un brivido sulla schiena dei collesi, inciampando su una palla innocua. Ne approfitta Iuvalè che però spreca da buona posizione. Lo stesso Luciani prova a rifarsi sugli sviluppi di un calcio da fermo, ma è debole la sua conclusione. Al 15′, errore in disimpegno di Acciaroli che consegna la sfera a Beretti. Il giovane centrocampista ospite si libera di un paio di difensori e calcia a botta sicura. Miracoloso il salvataggio di Coccia che si immola in maniera strepitosa per salvare la sua porta in scivolata a Camaioni quasi battuto. Ancora pericolosi gli ospiti al 21′. Petruzzelli batte un calcio piazzato sul lato sinistro dell’area di rigore. Traiettoria insidiosa sul quale Camaioni risponde presente allungandosi sulla sua sinistra. Preme la Sangiorgese, pericolosa ancora con Gabaldi al 24′, ma Camaioni è provvidenziale in uscita. Al 25′ si fa vedere Crocetti, che si libera in area ma calcia centralmente, preda facile per Calvaresi. Calvaresi che poi si esalta sulla piu bella azione della gara. Palla manovrata da Battilana che apre sulla destra, Stangoni e Mariani sfondano con quest’ultimo che si libera al tiro di sinistro. L’ex portiere dei nostri è risolutivo.  Il primo tempo si conclude con un punteggio che lascia gli ospiti recriminare qualcosina se non altro sul piano delle occasioni. Nella ripresa , il primo tentativo è di Gentile che, servito di tacco da Gabaldi, manda sul fondo con una rasoiata mancina. Entrano Croce Gyabaa e Giansante per i locali al posto di Coccia, Acciaroli e Nardini. Proprio l’entrata del centrattacco ex Chiesanuova da la scossa ai suoi, alzando il baricentro della squadra e facendo si che piovano piu palloni in area. Il fraseggio del Colli è ora nettamente migliore, anche in virtu della stanchezza avversaria, e porta Mariani per due volte alla conclusione. Sulla prima, è bravissimo Calvaresi a opporsi, mentre sulla seconda Tidei salva sulla linea un suo colpo di testa con Calvaresi battuto. Dall’altra parte anche Camaioni si oppone da campione a due ripartenze di Gabaldi, mentre un ennesimo contropiede col numero 7 ospite lanciato a rete è salvato da un prodigioso recupero di Luciani di testa. L’ultima occasione al 90′ capita sulla testa di Stangoni, che però la cestina con poca efficacia. 

23’GIORNATA : ATLETICO AZZURRA COLLI- MONTURANO CAMPIGLIONE 1-1

A.A.COLLI : CAMAIONI 6, STANGONI 6.5, CROCE 6.5, PAOLUZZI 5.5, LUCIANI 5.5, ALIJEVIC 6 (58’MARIANI 6), ZAHRAOUI 6, COCCIA 5.5 (68′ GRILLI 6), NARDINI 6.5, CROCETTI 5.5 (68’BATTILANA 7), GYABAA 6.5. ALL. FUSCO

MONTURANO CAMPIGLIONE : DIOMEDI 6.5, CAPORALETTI 6.5, VALLESI P. 6, BOSONI 6.5, FORNARI 6, CERQUOZZI 7, MORLACCO 7(73’MORETTI 6), SANTARELLI 5.5 (77’MARCONI sv), VALLESI F. 6.5, BRACALENTE 6, ULISSI 6 (86’MORELLI sv). ALL. BAGALINI.

ARBITRO : HENCZES 7

RETI : 51’MORLACCO, 81′ BATTILANA

COLLI DEL TRONTO :Doveva essere la partita del riscatto per l’Atletico Azzurra Colli in casa contro il Monturano Campiglione. Mister Fusco aveva chiesto un cambio di atteggiamento dopo le ultime giornate non proprio esaltanti. Richiesta esaudita solo in parte dai ragazzi, che hanno avuto diverse occasioni da gol ma sono stati troppo leggeri nella fase conclusiva e leziosi in quella difensiva. Undici confermato quello di Fusco con il 4-3-3 che si oppone al 4-3-1-2 di Bagalini. Parte bene la squadra di Fusco. Dopo 6 minuti, Nardini attivissimo sulla sinistra va via a Caporaletti e serve Zahraoui, la cui conclusione a centro area trova la pronta risposta di Diomedi. Lo stesso Diomedi si esalta su un destro a giro di Nardini dai 20 metri deviando il cuoio in angolo. Sugli sviluppi del corner, Alijevic di testa manda alto. Il buon avvio lascia presagire una giornata positiva, ma pian piano la squadra locale si sgonfia e non riesce a mettere più in difficoltà Diomedi. Al 38′ invece è Morlacco a scappare in contropiede su un errore di Luciani e a impegnare l’ottimo Camaioni in uscita. Ultima azione del primo tempo con l’ottimo Croce che va via sulla sinistra e serve Gyabaa. La sua conclusione finisce alta. Nella ripresa, alla prima azione, la squadra di Bagalini va in gol. Da un rilancio dalla linea mediana ospite, la coppia Paoluzzi-Luciani è protagonista di un incertezza che porta Morlacco a tu per tu con Camaioni. Il bomber si ritrova la palla sui piedi quasi incredulo di tanta grazia e batte comodamente Camaioni. Il Colli è ferito e non riesce a reagire, accusando un passaggio a vuoto. La squadra ospite non ne approfitta e cosi Fusco ha tempo per pensare e rivoltare la squadra come un calzino. Fuori Alijevic ( che aveva accusato dei problemi in settimana), Coccia e Crocetti e dentro Mariani, Grilli e Battilana. Proprio l’ingresso di quest’ultimo cambia l’inerzia del match grazie a un gioco lineare e semplice. La squadra di Fusco prova ad attaccare a testa bassa senza riuscire a scardinare la retroguardia attentissima ospite, fino a quando al minuto 81′ Battilana in progressione trova un destro dai 25 metri che inganna Diomedi. Nel finale, tutta la squadra collese si riversa in attacco rischiando l’osso del collo quando Moretti in contropiede salta Camaioni ma conclude male, dando tempo a Paoluzzi di rimediare. Nei minuti conclusivi del match, tantissime occasioni per Mariani, Zahraoui e anche Luciani che, con generosità si butta in avanti, ma Diomedi si riscatta alla grande salvando in ogni occasione.

Fusco : ” Il pari ci poteva stare. Ma bisogna fare meglio.”

Salvatore Fusco accetta il verdetto del campo. La sua squadra è uscita sconfitta dal big match dello Scarfiotti e ora inizia a sentire il fiato sul collo di Montefano e Chiesanuova. Il tecnico ha rilasciato queste dichiarazioni al nostro portale.

Mister, la squadra ha disputato un buon secondo tempo, ma è arrivata la sconfitta. Come la spieghi ?

-Quando c’è una sconfitta seppur non totalmente meritata, c’è sempre qualcosa sul quale riflettere. Nei primi 20 minuti ci siamo portati dentro i nostri avversari con una serie di ingenuità che hanno portato a falli dal limite. E su una di queste punizioni è nato il gol. Nella ripresa abbiamo avuto una serie di occasioni che però non abbiamo sfruttato. Ci siamo trovati davanti un grandissimo portiere come Natali. Faccio comunque i complimenti al Potenza Picena. Se è prima non sarà certamente un caso, evidentemente merita di stare li.  Ritengo comunque che in questi casi, l’allenatore debba assumersi le sue responsabilità. Le mie questa volta, credo siano quelle di non essere riuscito in questa settimana a entrare pienamente nella testa dei calciatori.  Avevamo ragionato molto nei giorni precedenti e nel prepartita sul concedere poche palle inattive perchè hanno dei giocatori decisivi in quei frangenti e invece, ripeto, nei primi venti minuti solamente abbiamo subito ben tre situazioni pericolose per colpa di falli ingenui, fino a prendere gol. Questo vuol dire che il sottoscritto non è stato bravo a farsi capire dal gruppo e non ha  toccato le corde giuste per farli rendere al meglio.-

I suoi giocatori hanno reclamato per un rigore a fine primo tempo. Come lo giudichi dalla panchina ?

-Il rigore è parso subito abbastanza evidente sia a me che a tutta la nostra panchina. Ma non penso che questo possa rappresentare un alibi, perchè come sbagliano i calciatori, come sbagliamo noi allenatori, sbagliano anche gli arbitri. Sono esseri umani e hanno il sacrosanto diritto di sbagliare. Non sono solito prendere giustificazioni o accampare scuse.-

Attenzione ora rivolta al Monturano . Che tipo di reazione è lecito aspettarsi ?

-Mi aspetto un grande approcio, concentrato e sereno. Perchè affrontiamo una squadra che ha una prerogativa : quella di avere sempre sette vite, come ha più volte dimostrato nell’arco del campionato. Non ci tragga dunque in inganno l’ultima loro sconfitta, anzi, deve farci ancor più stare sull’attenti. Ma ho fiducia nella mia squadra perchè stiamo facendo un buon lavoro e la classifica è li a dimostrarlo.-

22′ GIORNATA : POTENZA PICENA – ATLETICO AZZURRA COLLI 1-0

POTENZA PICENA : NATALI 8, MONACO 6.5, MARIANI 6.5, TOMASSINI 5.5 (46’VECCHIONE 6), MONTENERI 6.5, SULCE 6.5, MANCINI 7, TORTELLI 6.5, THIAM 6, DEGANO 7.5, RUGGERI 6.5 (70′ PEPI 6). ALL. LIBERTI

A.A.COLLI : CAMAIONI 6.5, STANGONI 5.5, CROCE 5( 70′ BATTILANA 6), PAOLUZZI 5.5, LUCIANI 5.5, ALIJEVIC 6.5, ZAHRAOUI 6.5, COCCIA 6 ( 61’MARIANI 5.5), NARDINI 6, CROCETTI 5.5, GYABAA 5.5 (80′ MASSARONI sv). ALL. FUSCO

ARBITRO : RACCHI (AN ) 5

RETE : 22′ DEGANO (R)

POTENZA PICENA : Il Potenza Picena vince e allunga il divario tra lei e la sua più stretta inseguitrice. Il Colli perde e rischia ora l’avvicinamento del Montefano. Una gara dai mille significati decisa dal giocatore con più classe in campo e dalle numerose parate del bravissimo Natali, portiere di casa. Ora, la squadra di Liberti vede ancor piu vicino il sogno chiamato Eccellenza. Dimostrazione di solidità quella messa in mostra allo Scarfiotti, una squadra poco spettacolare ma che ha tutte le doti per le quali si vincono i campionati. Sicurezza in difesa, quantità e qualità in mezzo e classe e velocità davanti. Il tutto unito a quella buona dote di cinismo che caratterizza le capoliste.  I ragazzi di Fusco però possono recriminare : sul piano del gioco non sono stati assolutamente inferiori, anzi. La qualità del palleggio, specie nella ripresa, è stata migliore, ma la sterilità offensiva, con le ormai croniche assenze di Di Simplicio e Giansante, si pagano a caro prezzo. In tutto ciò, vibranti sono le proteste di Crocetti e compagni quando, al 43′, il centrocampista locale Tomassini colpisce molto palesemente con il gomito una palla vacante in area, salvando il proprio portiere e togliendola dall’eventuale disponibilità di Nardini. L’arbitro vede, ma giudica il tocco involontario, quando invece è evidente che in area la volontarietà non esiste, specie se si allarga il volume del corpo. Prima fase di studio. Nel Colli rientra Coccia a dare geometrie e fisicità in mezzo. E la prima azione da gol è propiziata proprio da un suo suggerimento per Crocetti, che sfugge alla guardia di Sulce ma calcia debolmente tra le braccia di Natali. Giornata oggi amara per il nostro capitano che, beccato continuamente dalle frasi offensive del rumoroso pubblico di casa, ha cambiato tanti ruoli nell’arco della partita ma non ha trovato stavolta lo spunto decisivo per far male agli avversari. Al 13′ è la volta di Mariani. Il terzino sinistro dei locali , sugli sviluppi di un calcio piazzato di Degano, si trova libero sul secondo palo e calcia a botta sicura. Miracoloso il riflesso di Camaioni a salvare la sua porta. Al 21′ l’episodio chiave. Ancora da un calcio piazzato di Degano, la palla perviene a Tortelli che viene steso in area da Paoluzzi. Rigore giusto che Degano realizza con potenza e precisione. Il Colli accusa il colpo e per attendere una reazione bisogna arrivare al 30′, quando una punizione di Nardini fa la barba al palo. Al 32′ in contropiede, Degano fa correre Mancini tra le maglie colpevolmente larghe della difesa ospite. Il giovane esterno si infila sulla destra e calcia ma la mira è imprecisa. Al 35′ è la volta di Alijevic in mischia, ma Natali risponde da par suo al tentativo del mediano che aveva provato con un tocco d’istinto a sorprenderlo. Al 43′ l’episodio discusso sopra. Nella ripresa, Fusco passa al 4-3-1-2 accentrando Zahraoui e avvicinando Nardini a Crocetti. E’ lo stesso Nardini al 47′ da corner di Crocetti ad avere la palla del pari, ma ancora una volta Natali è superlativo a respingere con un riflesso felino. Sulla ribattuta, Luciani sbaglia il tap-in.  I locali agiscono ora di rimessa, come al 55′, quando Ruggeri salta i nostri difensori e calcia debolmente sul primo palo, Camaioni è attento a respingere. Fusco le prova tutte, inserendo anche Mariani, Battilana e Massaroni. Ancora Nardini alla mezzora ci prova dal limite, ma la sua conclusione è centrale e addomesticata dal portiere ospite. Al 40′, punizione dalla lunga distanza di Degano, ma Camaioni risponde presente. L’ultima azione della gara al 93′ capita a Luciani. Su sponda di Nardini di testa, il lungagnone difensore centrale si ritrova libero sul secondo palo e colpisce in spaccata, ma ancora una volta un super Natali si esalta e sbarra la strada a quello che sarebbe stato un pareggio meritato.  Ultimo appunto sul campo : è impensabile ed assurdo che su di un terreno di gioco simile si possa disputare una gara tra due compagini di cosi alto spessore e caratura, una delle quali è addirittura prima in classifica.

Atletico Azzurra Colli, ora il problema del gol inizia a pesare

COLLI DEL TRONTO : Non è riuscita a sfondare il bunker difensivo della Futura 96 la squadra di Salvatore Fusco sabato scorso e la gara è terminata 0-0. Secondo pareggio consecutivo dell’Atletico Azzurra Colli dopo l’ 1-1 col Trodica nel periodo pre-Burian. Entrambe le gare hanno evidenziato un problema annoso che la squadra rossoazzurra si porta dietro dal giorno dell’infortunio a Daniele Di Simplicio : davanti non c’è un centravanti di ruolo che riesca a far salire la squadra, concludere le azioni e valorizzare il gran lavoro svolto dai vari Crocetti, Nardini, Zaharaoui e Mariani, sempre abili a costruire azioni pericolose ma non altrettanto a concluderle. Intendiamoci : nessuno di loro ha l’istinto del killer d’area, del terminator e neanche il fisico della boa che potrebbe aiutare i compagni, come ad esempio ha fatto Angelini sabato scorso, bravissimo a tenere impegnati Paoluzzi e Luciani e a far salire la squadra col suo gioco di sponda. E quindi nessuno di loro può essere colpevolizzato perchè tutti e quattro stanno dando tutto per la causa e il loro impegno non è certo in discussione, cosi come non lo è il loro contributo. 8 addirittura le reti di Crocetti. L’ultima realizzazione su azione è di 4 gare fa. Atletico Azzurra Colli- Aurora Treia, quando proprio Crocetti di sinistro in avvio di ripresa siglò la rete che decise la gara. Da li’ in avanti, c’è da registrare il rigore di Crocetti stesso contro il Montecosaro e il gol di Gyabaa sugli sviluppi di un calcio piazzato a Trodica. Per il resto, due 0-0 contro Atletico Piceno e Futura. Due pareggi molto diversi tra loro, perchè nel primo la squadra ha sciorinato una prestazione quasi perfetta e nel secondo la gara è stata ben più bloccata e non eccezionale. Ma in entrambi i casi l’assenza di una punta si è sentita. Nel primo caso, perchè la punta ( Di Simplicio o Giansante, ad esempio) avrebbe potuto concludere le tante azioni create. Nel secondo perchè, quando si gioca male, e si va alla ricerca del lancio lungo perchè la squadra avversaria ha la bravura di bloccare il fraseggio, avere una punta di riferimento che dia peso e faccia salire gli altri giocatori può aiutarti ad avere più occasioni anche sporche in area di rigore. Una mano però finalmente potrebbe arrivare a Fusco dall’ormai prossimo recupero di Giansante. Il panzer prelevato dal Chiesanuova proprio per sostituire il bomber Di Simplicio, ha subito un grave infortunio al 7′ minuto della gara d’esordio contro la Jrvs pre-Natalizia. Infortunio che è ormai alle spalle e che potrebbe spingere il tecnico di Pratola Serra a convocare l’attaccante addirittura già nella prossima gara di Potenza Picena. Più lungo invece il periodo d’attesa per l’altro attaccante Di Simplicio. Il classe 87 ne avrà ancora per almeno un mese.

21′ GIORNATA : ATLETICO AZZURRA COLLI- FUTURA 96 0-0

ATLETICO AZZURRA COLLI : CAMAIONI 6.5, ACCIAROLI 5.5 (73′ STANGONI 6), CROCE 6, PAOLUZZI 6, LUCIANI 5.5, ALIJEVIC 5.5, MARIANI 6, GRILLI 5.5 (58′ BATTILANA 6.5),NARDINI 5.5 (70’GYABAA 5.5), CROCETTI 5.5, ZAHRAOUI 6. ALL. FUSCO

FUTURA : VERONE 6.5, DRAMMEH 6, MANNOZZI 6( 86’BELLEGGIA. sv), CONTE 7, SMERILLI 6, MARZAN 6.5, MURAZZO G. 7.5, FIUMAROLI 6, ANGELINI 6, BRACCIOTTI 6, SPINOZZI 5.5 (76’MURAZZO A. sv ). ALL. CALVA’

ARBITRO : SALVATORI 6.5

COLLI DEL TRONTO : Finisce senza vincitori nè vinti la sfida di quest’oggi al Comunale tra il Colli di mister Fusco e la Futura di mister Calvà. Uno scialbo 0-0 con poche occasioni da ambo le parti che testimonia la poca qualità del match andato in scena questo pomeriggio. Tanti errori e tanto nervosismo da una parte e dall’altra. Errori di disimpegno e di costruzione per i padroni di casa, errori di imprecisione per gli ospiti. Un nervosismo strano per i ragazzi di casa, che hanno fatto sempre della spensieratezza e dell’incoscienza di giocare al calcio le proprie armi principali. L’impegno e la buona volontà non sono certo mancate, ma l’assenza prolungata di Coccia e quelle di Di Simplicio e Giansante ormai croniche, stanno incidendo davvero tanto in fase di manovra. La Futura si difende con ordine e rischia un paio di volte di vincerla nella ripresa. Ma andiamo con ordine. Il primo pericolo è per Camaioni. Da un piazzato di Conte, Angelini si trova smarcato sul secondo palo ma arriva in leggero ritardo all’appuntamento con la deviazione. Al 15′ primo doppio squillo dei nostri. Crocetti su lancio dalle retrovie calcia in posizione centrale dal limite dell’area, Verone ribatte sulla sua destra e lo stesso portiere è poi abile sulla conclusione di Zahraoui a respingere coi piedi. Al 33′ limpida palla gol per il Colli. Mariani semina il panico sulla corsia di destra e crossa sul secondo palo per Nardini che si avvita ma manda alto il colpo di testa. Ancora Nardini allo scadere per l’ultimo squillo, stavolta su calcio piazzato. Verone risponde da par suo. Nella ripresa, il primo tentativo è di Mariani, ma il suo diagonale destro sfila sul fondo. Fase del match confusa, la squadra di Fusco prova a prendere il pallino del gioco in mano ma fa troppa confusione in fase di palleggio e rischia di capitolare al 58′, quando Angelini viene lanciato a rete ma trova sulla sua strada un grande Camaioni che ribatte con un vero e proprio miracolo il suo tentativo a incrociare dal centro destra dell’area di rigore. Fusco capisce il pericolo e inserisce Battilana per dare piu sostanza alla mediana ma è ancora Camaioni a impedire che la sfera termini in rete su tentativo di Spinozzi. L’ultima azione da gol capita a 10 minuti dallo scadere. Da un cross perfetto di Croce dalla sinistra, Crocetti colpisce di testa da posizione favorevole ma mette alto sopra la traversa.

Luciani a testa alta : ”Qui come una famiglia. Pronti per la Futura.”

Stefano Luciani è uno degli arrivi del mercato di Dicembre alla corte di mister Fusco. Il forte difensore centrale, dopo aver vestito le casacche di Montegiorgio, Centobuchi, Atletico Piceno, Pagliare, Monticelli e Ciabbino, ha scelto di accettare l’offerta dell’Ateltico Azzurra Colli e ne è diventato subito un perno fondamentale nel pacchetto arretrato.  Il classe ’83 ha rilasciato queste dichiarazioni al nostro portale.

Allora Stefano, dopo due settimane di sosta, finalmente ci si appresta a tornare in campo. Come avete vissuto questa pausa ?

-Diciamo che due settimane senza gare ufficiali sono dure da affrontare, soprattutto per le avverse condizioni climatiche che ci hanno colpito. Abbiamo lavorato tantissimo e finalmente ora tornerà la settimana tipo, quella dove si tornerà a respirare il clima pre gara. Non vediamo l’ora di scendere in campo sabato. Siamo consapevoli che la sosta inconsciamente può portare un rilassamento, ma guai a mollare perchè poi si rischia di rovinare quanto di buono abbiamo fatto finora.-

Si torna in campo affrontando la Futura, una bestia ferita dalla debacle interna col Montalto. Quali insidie presenta la partita ?

-Ci apprestiamo a giocare contro una squadra che ha nel suo DNA storico quello di vendere cara la pelle.  Sarà dunque una gara da non sbagliare sotto il profilo mentale, approcciandola con la giusta mentalità fin dal primo minuto, scendendo in campo alla caccia del risultato.-

Parliamo del lato personale. Preferisci giocare in una linea a 3 oppure a 4 ?

-In carriera, ho sempre giocato a 4, eccezion fatta per lo scorso torneo con il Ciabbino nel quale ho scoperto che giocare centrale a 3 non è poi cosi diverso, tranne per il discorso dell’impostazione dove si è piu sollecitati. Quindi, considerato che non ritengo di avere piedi gentili, preferisco giocare a 4.-

Cosa ti ha spinto ad accettare la proposta del Colli ?

-Perchè ascoltando tanti ex compagni, mi hanno detto che a Colli si sta bene, in quanto oltre alla professionalità, si respira l’aria di una grande famiglia. Dopo averlo provato, posso confermare che è proprio cosi e mi sento come a casa. Sono tanti i fattori che mi hanno fatto accettare la chiamata della società e del direttore Traini, in primis l’amicizia storica che mi lega a tanti componenti della rosa, perchè ritengo che la vera forza di una squadra sia il gruppo. Penso che sia questo il segreto di questa rosa, oltre ovviamente alle qualità del mister che è un allenatore di spessore.-

Ultima domanda : come vedi la lotta al primo posto ?

-Quello che credo è che aldilà di come terminerà lo scontro diretto di sabato tra Servigliano e Potenza Picena, loro si giocheranno il campionato fino alla fine. Sono due squadre attrezzate e se lo contenderanno fino all’ultima giornata.-