Crocetti doppio ex : ”Partita dai tanti significati tra due squadre molto forti.”

Guido Crocetti è stato uomo simbolo di due realtà che sabato saranno avversarie. Colli e Maceratese infatti hanno annoverato per diverse stagioni tra le loro fila il bomber che da pochi mesi ha appeso gli scarpini al chiodo. Noi lo abbiamo voluto sentire per ascoltare il suo parere su questa supersfida in programma sabato.

-Iniziamo parlando della nuova vita fuori dal campo. Ti manca il rettangolo verde ?

-Chiaramente dopo 30 anni di gioco non è facile abituarsi ad una nuova vita senza ciò che hai sempre fatto e che occupava gran parte del tuo tempo. Mi manca la voglia di confrontarsi, di sacrificarsi, di lottare per un obiettivo e anche la stanchezza dopo un allenamento o partita!

-Colli e Maceratese. A quale delle due piazze ti senti più legato ?

-Sono due realtà a cui sarò per sempre legato, a macerata ho trascorso due anni bellissimi, i tifosi mi hanno sempre dimostrato affetto e anche da avversario mi hanno applaudito, un gesto che ripaga qualsiasi giocatore soprattutto a livello umano. Colli è la società con cui ho iniziato e terminato, sono nato in questo paese e sono fiero di aver preso parte a questo progetto che si è sempre migliorato nel tempo. Colgo l’occasione per ringraziare tutta la società per la maglia che mi hanno regalato.

-Quali sono i punti di forza delle due squadre ?

-La maceratese ha delle ottime individualità è sicuramente il blasone avrà un ruolo importante nel corso del campionato, Colli in questi anni ha sempre fatto del gruppo la sua forza e credo che anche quest’anno sarà così. Conosco la maggior parte dei ragazzi e sono convinto che anche quanto ad individualità non sono da meno a nessuno. Faccio un enorme in bocca a lupo a tutti.

-Sarai presente al campo sabato ?

-Sabato purtroppo non posso essere presente perché festeggeremo il primo compleanno della mia nipotina Emma fuori sede, avrei voluto essere presente ma non mancherò alle prossime sfide!

L’AVVERSARIO / La corazzata Hr Maceratese scende al Comunale

Inizierà sabato la stagione 2018-2019 dell’Atletico Azzurra Colli davanti al proprio pubblico contro la principale candidata a vincere il campionato : l’Helvia Recina Maceratese. La squadra nata dalla neo società Maceratese che si è unita all’Helvia Recina , guidata da un allenatore esperto come Moriconi e costruita per ammazzare il campionato. In coppa, il gruppo maceratese ha battuto per 3-1 il Camerino con pieno merito e grazie anche alle grandi invenzioni dei singoli. Squadra profondamente rinnovata, con il forte Tomba in porta, la conferma dell’esperto Capparuccia dietro rispetto all’Helvia Recina e gli arrivi dei ”granatieri difensivi” Arcolai e Bruciapaglia. In mezzo al campo, dalla Sangiorgese è arrivato Bigoni, dalla grande esperienza in categorie superiori. Insieme a Campana, Moriconi e Girotti, formano una mediana di tutto rispetto e di grande qualità. Ma è davanti che la squadra di mister Moriconi sprigiona tutta la sua potenza. Due i colpacci. Mongello , talentuoso e offensivo già autore di due reti in coppa, classe 92 proveniente dal Tolentino, dove in Eccellenza ha siglato 9 reti. E poi La Cava, attaccante di grandissima esperienza classe 1981, con lunghi trascorsi in serie D. Una squadra di tutto rispetto e che ha tutte le carte in regola per disputare un campionato da protagonista.

E’ stata presentata la squadra dell’Atletico Azzurra Colli 2018-2019

E’ stata presentata venerdi sera a tifosi, sponsor e appassionati, la squadra dell’Atletico Azzurra Colli 2018-2019, che si prepara ad affrontare la nuova stagione agonistica. E’ stata l’occasione anche per ricordare e ringraziare lo staff lavorativo della sagra della crispella, ricordando il buon profitto realizzato ma soprattutto la convivialità che ha portato allegria e spensieratezza in quelle sere estive.Diversi i momenti interessanti, uno su tutti quello in cui la società ha regalato un quadro all’ex capitano Guido Crocetti contenente la sua maglietta numero 10 con il suo nome dietro le spalle. Il presidente Fioravanti ha preso la parola e ha iniziato i ringraziameenti : ”Siamo qui questa sera si per presentare la squadra, ma in primo luogo vogliamo ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla buona riuscita della sagra di questa estate. Le nostre donne, le instancabili lavoratrici che meritano un applauso speciale, perchè senza di loro non ci sarebbe stata la riuscita della sagra. Sono state encomiabili nel lavoro. Ringraziamo anche l’ex presidente Pietro Matricardi, organizzatore principale della manifestazione, la pro-loco nelle vesti di Marco Collina e il sindaco Andrea Cardilli. Affinchè si possa avere una buona riuscita delle cose, tutti devono lavorare per lo stesso obiettivo. Parlando della squadra, abbiamo deciso di affidare la conduzione tecnica questa stagione a Daniele Fani’, un allenatore esperto che non ha bisogno di ulteriori presentazioni. Siamo convinti della scelta fatta, perchè vediamo anche la voglia e l’entusiasmo con cui lavora e prepara la squadra. Il nostro obiettivo è disputare un buon campionato, senza grossi proclami e senza presunzione ma con l’umiltà giusta, cosa che ci ha sempre contraddistinto in questi anni. ” Successivamente, il direttore sportivo Vittorio Traini ha presentato uno ad uno i giocatori della rosa per poi arrivare a mister Fani’. Il tecnico ha rilasciato queste dichiarazioni : ”Sono molto felice di essere approdato in questa società, fatta di gente molto appassionata e che vive per la squadra. La passione è il più grande motore che si può avere in queste categorie, e noi abbiamo il dovere, visto quanto ci sta attorno, di fare bene. Fare bene, per me, equivale a fare il massimo che si può fare, a prescindere dal piazzamento in classifica, che sia primo, secondo , terzo, quarto o quinto. Vogliamo uscire dal campo sempre con la maglia sudata. In questo mese e mezzo di preparazione, posso assicurare che abbiamo a disposizione un gruppo di persone serie oltre che di ottimi calciatori. Sono veramente felice del materiale che la società mi ha messo a disposizione, ora tocca a noi lavorare. Mi avvarrò anche della collaborazione di uno staff appassionato e preparato. Tutti insieme siamo pronti a questo campionato, sperando che ci dia le soddisfazioni che vogliamo.”

1’TURNO DI COPPA: ATLETICO AZZURRA COLLI-ATLETICO ASCOLI 1-1

ATLETICO AZZURRA COLLI: Camaioni 5.5, Zahraoui 5.5, Perozzi 6.5(87’Silvestri sv), Cucco 6.5, Stangoni 7, Alijevic 6, Battilana 6, Grilli 6(70’Gibellieri 6.5), Di Simplicio 7, Pirelli 6(80’Tommasi sv), Spinelli 6(58’Bastianelli 6). All.Fanì

ATLETICO ASCOLI: Lattanzi 6, Serafini 5.5, Fabi Cannella 6.5, Di Silvestre 6, Funari 5.5(56’Coccia 6)Gibbs 6.5, Santoni 5.5(65’Miniscalco 6.5),Tedeschi 7, Gassama 5.5(83’Tarli sv), Giovannini 7.5, Iachini 6.5. All. Filippini

Arbitro : Chiaretti 6

Reti:91’Di Simplicio (r ), 94’Giovannini.

COLLI DEL TRONTO: Nella prima uscita ufficiale di Coppa contro l’Atletico Ascoli, l’Atletico Azzurra Colli di mister Fanì prende un pareggio al termine di una buona prestazione di entrambe le squadre. Squadra locale schierata col 4-3-1-2 con Alijevic, Battilana e Grilli in mezzo, Spinelli a supporto della neo coppia-gol Pirelli-Di Simplicio. Dietro, davanti a Camaioni, Zahraoui riparte come aveva concluso ovvero da terzino. Con Stangoni e Cucco centrali e Perozzi a sinistra. Ospiti schierati col 4-3-3 abile a trasformarsi nel 4-2-3-1. Avvio di studio, il primo tentativo è di Pirelli al 18’ con un bolide da fuori area. Sfera a lato. Risponde Tedeschi con un ottimo inserimento alla mezz’ora, la sua conclusione è neutralizzata da Camaioni sul primo palo. Azione poi del neo capitano Alijevic. Il suo destro da dentro l’area finisce a lato di poco. Nel finale di tempo, un super Giovannini mette in grave difficoltà la retroguardia. Prima andando via a Stangoni e trovando la pronta risposta di Camaioni. Poi con un diagonale millimetrico che finisce a pochi cm dal palo. Si va al riposo sullo 0-0 e il punteggio appare giusto. La ripresa si apre con una penetrazione di Grilli ma il tiro è debole e ben addomesticato da Lattanzi. Al 55’ vibranti proteste locali per un intervento su Pirelli che è apparso rigore ai più. L’arbitro ha lasciato correre. Al 57’Di Simplicio trova il pertugio per concludere, ma la palla è alta. Al 75’discesa perentoria di Giovannini che serve Tedeschi. Il forte centrocampista da posizione favorevole spara fuori. Risposta Colli all’ 81. Gibellieri appena subentrato mette un pallone col contagiri per Perozzi sul secondo palo. Il suo intervento in spaccata sfiora la rete a Lattanzi battuto. Al 91’Gibellieri viene atterrato in area e Di Simplicio trasforma il rigore assegnato. Sembra fatta, ma Giovannini all’ultimo respiro approfitta dell’unica incertezza di Camaioni e infila in mischia il tap-in vincente.

Traini :”Avvio duro. L’umilta deve essere alla base di tutto.”

Con Vittorio Traini, direttore sportivo dell’Atletico Azzurra Colli, abbiamo commentato il calendario della prossima stagione e abbiamo dato uno sguardo al campionato.

-Alora direttore.Un avvio molto difficile per voi.

-Sicuramente. Incontrare due squadre del calibro di Maceratese e Potenza Picena nelle prime due giornate vuol dire misurarsi contro due compagini del grosso calibro. Siamo comunque felici di valutare subito il nostro livello contro team altamente competitivi.-

-Che squadre crede siano le favorite ?

-Io metto nel novero delle prime la Maceratese, il Valdichienti e la Civitanovese. –

-Che ruolo potrà recitare il Colli di mister Fanì ?

-Il nostro obiettivo è quello di far bene ma la nostra prerogativa deve essere l’umiltà. Solo attraverso quella possiamo pensare di poter raggiungere risultati positivi. Senza umiltà non si va da nessuna parte. Deve essere alla base e credo proprio che i nostri ragazzi lo sappiano. Per il resto ora la nostra attenzione è tutta rivolta alla gara di sabato contro l’Atletico Ascoli, altra squadra di livello. Ci teniamo a far bene anche in Coppa ovviamente.-

Doppio rinforzo under in difesa e centrocampo : ecco Fioravanti e Folchi

L’Atletico Azzurra Colli comunica in via ufficiale di aver definito gli accordi per assicurarsi le prestazioni dei due under Cristian Fioravanti (1999) e Francesco Folchi (2000). Il primo, terzino destro, arriva dal Porto D’Ascoli ed è dotato di grandissima applicazione e buona corsa. Per il secondo si tratta di un ritorno dopo l’esperienza di due stagioni fa. E’ un centrocampista offensivo che può giocare anche sulla fascia. Arriva dal Monticelli. Ad entrambi il più sincero in bocca al lupo e il nostro benvenuto , con la speranza di dimostrare il loro valore nella stagione che sta per iniziare.

Camaioni sicuro : ”Campionato difficile, ma saremo competitivi”

Alessio Camaioni è giunto al quarto anno in maglia rossoazzurra. Il portierone ex Atletico Piceno e Palmense, classe 1991, è ormai uno degli elementi di spicco del gruppo collese, e ha voluto spiegare al nostro portale le sue sensazioni per la nuova stagione che sta iniziando.

-Primo mese di preparazione. Come procede e che tipo di gruppo si sta formando ?
Per ora la preparazione sta andando molto bene, i carichi di lavoro sono stati importanti e si fanno sentire, ma sono fondamentali per riempiere il “serbatoio”. Ora inizieranno altri tipi di lavoro che ci permetteranno di ritrovare quella brillantezza e permetterci di arrivare al meglio alla prima di campionato. Per quanto riguarda il gruppo, devo dire che sta nascendo qualcosa di bello e di importante anche se ci sono parecchi giovani, non credevo!

-Qual è l’obiettivo che vi siete prefissati ?
Quest anno è difficile parlare di obiettivi davanti alle corazzate che ci sono e che hanno un budget molto più importante del nostro, però questo non vuol dire che non siamo ambiziosi. Sappiamo di avere una bella squadra che può togliersi molte soddisfazioni. Daremo filo da torcere a tutti questo è sicuro, vogliamo far bene.

-Come trovi il lavoro di mister Fanì ?
Beh il mister non ha bisogno di presentazioni, anche se non lo conoscevo di persona ne ho sentito parlare molto bene sia dentro che fuori dal campo. Ci troviamo molto bene con lui perché, si chiede molto impegno, ma ci sono momenti scherzosi, non è un sergente di ferro. È un lavoratore che bada al sodo non disdegnando il bel gioco. È una garanzia per queste categoria, il curriculum parla chiaro.

-Che tipo di campionato sarà e chi sono le favorite ?
Sarà un eccellenza 2, chiamiamola così. Non capita tutti gli anni di scontrarsi con queste grandi società che hanno toccato con mano il professionismo, vedi Macerata e Civitanova, che insieme all Atletico Ascoli vedo come le strafavorite. Non scordiamo il Valdichienti Sangiusto, Chiesanuova e anche il Colli…ci sarà da divertirsi!

-Quarto anno col Colli, ti senti ormai un leader di questa squadra ?
Quest anno come non mai ho fatto una scelta di cuore per l attaccamento che ho con le persone della società e con i ragazzi. Ammetto che ero molto vicino ad andar via ma alla fine sono rimasto con più voglia ed entusiasmo di sempre, con la voglia di migliorarsi. Gli anni passano, e ora sono passato dall altra “sponda”, quella dei “vecchietti” che deve dare una mano ai ragazzi più giovani a migliorare e, prendersi maggiori responsabilità, d altronde il ruolo che faccio me lo richiede da tempo!

-Chi sono i nuovi che ti hanno impressionato più di tutti ?
Sono rimasto piacevolmente impressionato dai nuovi ragazzi, di Pirelli e Cucco non serve nemmeno parlarle, sono due top player per la categoria, sia come giocatori che come ragazzi. C’è del buon materiale su cui lavorare!

Atletico Azzurra Colli : ecco Perozzi

L’Atletico Azzurra Colli ufficializza l’avvenuto acquisto del difensore Andrea Perozzi. Classe 1999, ruolo terzino sinistro dotato di grande corsa e esuberanza fisica, proviene dal Martinsicuro. A lui, il nostro benarrivato più sincero !!