Pagellone finale: i due centrali sugli scudi!

CAMAIONI 7: La solita sicurezza. Camaioni è ormai una certezza tra i pali dell’Atletico Azzurra Colli e si conferma come uno dei migliori numeri uno della categoria. Punto fermo della squadra e dello spogliatoio.

GAMBACORTA sv: Un paio di apparizioni, si vede che ha stoffa ma deve giocare di più per un giudizio finale.

ACCIAROLI 6: Il terzino vive una stagione di alti e bassi, dove specie nel finale accusa un calo di prestazioni che costringe mister Fanì a farlo accomodare in panchina. Si riscatta nella gara con la Civitanovese nel quale disputa una buona partita.

TOMMASI 6.5: Lieta scoperta. Il terzino mancino gioca un girone d’andata importante e poi nel girone di ritorno cala leggermente di prestazioni ma rimane un elemento affidabilissimo per la squadra.

CUCCO 7.5 : Uomo di primaria importanza per la difesa che, al netto della partita con la Civitanovese, risulta la migliore in campionato. Grinta e piedi buoni, esperienza e leadership sempre a servizio della squadra.

STANGONI 7.5: Oltre alle grandissime prestazioni, unisce anche numerosi gol, alcuni dei quali bellissimi, che lo portano ad essere uno dei migliori interpreti della categoria del ruolo. Promosso senza se e senza ma.

CROCE 6.5: Girone di andata sempre in sordina. A lottare per un posto. Girone di ritorno in cui viene fuori alla grande e spesso diviene punto irrinunciabile per la sua immensa duttilità. Segna anche due reti decisive.

FIORAVANTI 6: Qualche apparizione che mette in mostra quanto il ragazzo abbia discrete qualità su cui lavorare.

LOMBARDI 6: Non molte apparizioni ma tutte contornate di buone pagelle. Crolla nella gara di Civitanova come tutta la retroguardia.

ZAHRAOUI 6: Nell’anno della consacrazione, ci si aspettava qualcosa in più dall’esterno marocchino che svolge il suo compito senza infamia e senza lode. Straripante negli anni passati, diligente questa stagione.

NARDINI 6.5: Nella prima parte di stagione è l’autentico trascinatore dei suoi con gol e assist a ripetizione. Poi accusa malori fisici che ne condizionano pesantemente il rendimento. Meglio a centrocampo piuttosto che davanti.

ALIJEVIC 6.5: Il capitano si conferma elemento irrinunciabile anche nello scacchiere di Fanì. Si alterna tra vertice basso e mezzala senza patire. A differenza degli altri anni, manca leggermente in fase realizzativa.

GRILLI 8 : Stagione strepitosa per il mancino biondo ex Monticelli. Ormai trasformato definitivamente in mezzala di qualità, sigla tre gol e una decina di assist oltre a partite in cui gli spetta di diritto la palma del migliore in campo.

BATTILANA 6: Annata in cui viene falcidiato dagli infortuni. Paga dazio già dai primi mesi. Fa il suo.

SPINELLI 6: Al primo vero campionato da titolare, Spinelli non sfigura e anzi getta sempre il cuore oltre l’ostacolo. Giovane che ha tanta voglia di apprendere.

SILVESTRI 6.5: Le doti che fa intravedere nelle prime settimane, le mette in mostra nel finale, dimostrando che per il futuro si può puntare su di lui anche se non è più un under.

BASTIANELLI 6: Altalena di prestazioni quando chiamato in causa. Sembra più che si trovi a suo agio nelle gare in cui parte dall’inizio, nonostante una statura brevilinea che gli consentirebbe di entrare bene a partita in corso.

ALFONSI 6: Interessantissimo prospetto arrivato a Gennaio. Classe 2001 tutto da scoprire con doti mostrate nelle volte in cui viene buttato nella mischia. Piedi e testa, presente.

PIRELLI 6.5: Le sei reti nel girone d’andata lasciavano presagire un girone di ritorno da protagonista. Gli infortuni però lo frenano per quattro mesi e di lui c’è poi poca traccia.

DI SIMPLICIO 7: Mette a referto 8 reti più le 3 nei play off. Dopo l’infortunio e le successive pene per rientrare era quasi impensabile vederlo tornare ai suoi livelli. Lui invece ci riesce.

PIERGALLINI 6.5: Tre reti dopo un anno di inattività in pochi mesi sono un buon bottino da cui ripartire.

MISTER FANÌ 7: La sua squadra per larghi tratti gioca un calcio spumeggiante e divertente. Accusa un calo nel finale proprio sul più bello. La sconfitta di Centobuchi grida vendetta. Col Colli terzo, nei play off avrebbe fatto sicuramente meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.